X
<
>

Guardia di finanza a Lamezia Terme

Tempo di lettura < 1 minuto

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Beni per un valore di 350.000 euro, appartenenti a un presunto esponente della cosca di ‘ndrangheta Cerra-Torcasio-Gualtieri di Lamezia Terme, sono stati confiscati dai finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri e dal procuratore aggiunto, Vincenzo Capomolla.

Destinatario della misura è Vincenzo Torcasio, detto “u niuru”, personaggio, secondo gli inquirenti, gravitante da molti anni nel contesto delle cosche di ‘ndrangheta Cerra-Torcasio-Gualtieri e poi Giampà, condannato nell’ambio del processo “Perseo”. ​

   Gli accertamenti patrimoniali svolti dai finanzieri avrebbero evidenziato che i beni confiscati a Vincenzo Torcasio risultano di valore sproporzionato rispetto agli esigui redditi dichiarati e alla capacità economica lecita del suo nucleo familiare.

Nel 2019 era stato eseguito il sequestro e ora il provvedimento di confisca del patrimonio. La misura ha riguardato un terreno con annesso fabbricato di tre piani, situato a Lamezia Terme e adibito ad abitazione principale del nucleo familiare di Vincenzo Torcasio.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares