X
<
>

L'intervento al seggio di Gizzeria

Tempo di lettura < 1 minuto

Momenti di panico a Gizzeria lunedì sera nei pressi di un seggio elettorale allestito per le elezioni amministrative.

Un cittadino marocchino di circa trenta anni, attirava prima l’attenzione dei finanzieri di servizio al seggio e dopo si versava su tutto il corpo benzina minacciando di darsi fuoco mostrando un accendino in mano.

I finanzieri davano subito l’allarme con i numeri di emergenza, il primo ad arrivare sul posto era il Comandante della Stazione di Gizzeria, il Maresciallo Andrea Pagano, che libero dal servizio, appena giunto si accorgeva che l’extracomunitario era una vecchia conoscenza in quanto in passato autore di diversi reati, oltre ad essere affetto da problemi psichici. Il sottufficiale, con grande umanità e professionalità, iniziava con tono rassicurante a chiacchierare con l’uomo, cercando di tranquillizzarlo e metterlo a proprio agio, gli chiedeva il motivo del suo gesto e prospettava delle soluzioni ai suoi problemi ed infatti, dopo alcuni minuti riusciva nell’intento di farsi consegnare l’accendino.

Successivamente intervenivano i sanitari del 118 che prendevano in consegna l’aspirante suicida trasportandolo all’ospedale Civile di Lamezia Terme per le cure necessarie.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares