X
<
>

Controlli dei carabinieri a Pianopoli

Condividi:

PAINOPOLI (CATANZARO) – Sarebbero responsabili di una serie di rapine ai danni di persone anziane, per questo motivo i carabinieri della Stazione di Pianopoli e della Compagnia di Lamezia Terme hanno arrestato due persone. Sono ritenute responsabili, a vario titolo, di rapina aggravata in concorso e porto abusivo di armi.

La misura è scaturita da un’indagine della Compagnia di Lamezia Terme, condotta tra il dicembre 2020 ed aprile 2021, dopo una prima rapina a mano armata perpetrata ai danni di un’anziana signora il 15 dicembre 2020 a Feroleto Antico e di una seconda consumata in un’abitazione di Pianopoli, la notte del 4 febbraio scorso, sempre ai danni di un’anziana donna.

Incrociando le dichiarazioni delle vittime con l’analisi delle immagini estrapolate da circuiti di videosorveglianza pubblici e privati, è stato possibile raccogliere gravi indizi sul conto di due persone di 58 e 28 anni, quest’ultimo già noto alle forze dell’ordine, rispetto alla rapina perpetrata lo scorso 15 dicembre a Feroleto Antico. In questo caso, un’anziana donna, mentre stava passeggiando nei pressi della sua abitazione, sotto la minaccia di una pistola, fu costretta a consegnare l’oro che indossava.

Le attività di indagine hanno consentito di riconoscere i due uomini ripresi dalle telecamere della zona e di ricostruire i loro spostamenti nelle fasi precedenti e successive all’evento.

Le ulteriori attività, anche di natura tecnica, hanno inoltre consentito di individuare l’arma utilizzata, risultata essere clandestina ed in uso a uno dei due, arrestato in flagranza di reato lo scorso febbraio per il porto abusivo dell’arma.

L’uomo è inoltre indagato per un’altra rapina avvenuta la notte del 4 febbraio scorso, in un’abitazione del centro di Pianopoli. Anche in questa circostanza la vittima è un’anziana signora che, minacciata dall’uomo entrato dentro la sua casa, è stata privata dei gioielli che indossava. L’altro presunto rapinatore, incensurato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. 

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA