X
<
>

Sergio Abramo, sindaco di Catanzaro

Condividi:

CATANZARO – «Approvando in pieno e riprendendo l’idea lanciata dal rettore dell’Università Magna Graecia, Giovambattista De Sarro, in merito alla realizzazione di un centro regionale Covid-19 a Catanzaro, nella struttura denominata Villa Bianca, il sindaco del capoluogo Sergio Abramo ha avviato una serie di contatti con tutti gli attori istituzionali che dovranno essere coinvolti in questo percorso».

Lo riferisce una nota del Comune di Catanzaro.

«Il primo cittadino, in qualità di massima autorità sanitaria del capoluogo – è detto nella nota – ha pertanto potuto verificare e raccogliere il consenso della presidente della Regione, Jole Santelli, del commissario e del direttore sanitario dell’Asp, Luisa Latella e Ilario Lazzaro, del primario del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Pugliese, Lucio Cosco. In giornata, inoltre, incontrerà il commissario dell’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio, Giuseppe Zuccatelli, per discutere proprio di questa vicenda».

«In questi giorni ho potuto prendere atto che sulla proposta del rettore De Sarro – ha detto Abramo – esiste la più ampia condivisione visto l’ok ricevuto dalla governatrice Santelli, dall’Asp e anche dalla rappresentanza medica specialistica del Pugliese. È una sinergia positiva che pone le basi per approfondire e cercare di realizzare, nel più breve tempo possibile, un percorso mirato a potenziare la capacità di intervento del sistema sanitario catanzarese e calabrese nella lotta al coronavirus e, sgravando il carico sugli hub dei capoluoghi e sul Policlinico universitario, anche nell’azione assistenziale e di cura nei confronti delle altre patologie e degenze».

«Credo che anche il commissario Zuccatelli, col quale ci confronteremo nelle prossime ore – ha detto ancora il sindaco – vorrà garantire estrema attenzione a un’idea assolutamente concreta».

I SINDACI

Alla proposta di realizzare di un Covid Hospital in Calabria è arrivato anche il sostegno da parte dei sindaci di 74 comuni calabresi che hanno condiviso un documento da inviare al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al commissario straordinario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri. I primi cittadini condividono la necessità di realizzare una struttura ospedaliera destinata unicamente all’assistenza di pazienti covid. «Grazie al rispetto delle misure di distanziamento sociale da parte dei cittadini – è detto nel documento dei sindaci – la Calabria sta resistendo al coronavirus. I numeri contenuti dei contagi e dei ricoveri stanno dando alla Calabria un vantaggio che non può essere sprecato, considerato che tutti gli esperti prevedono una seconda ondata dell’epidemia in autunno».

I firmatari del documento si dicono favorevoli «sia all’adeguamento di una struttura esistente, come ad esempio l’ex policlinico “Villa Bianca” di Catanzaro, come proposto dal rettore dell’Università Magna Grecia, De Sarro e se ciò sarà reso possibile dalle condizioni strutturali dell’edificio, sia alla costruzione di un nuovo ospedale».

«Se si vorrà percorrere questa seconda ipotesi – aggiungono i sindaci – sarà determinante poter contare su procedure burocratiche estremamente semplificate, sulla scorta di quanto avvenuto per la ricostruzione del ponte di Genova, affinché, fatti salvi i principi di legalità, si possa progettare, realizzare e rendere operativa in pochi mesi la struttura. Concentrare l’assistenza covid in una struttura separata e autonoma rispetto agli ospedali, consentirà ai cittadini di poter contare nuovamente su una assistenza sanitaria efficiente e sicura per tutte le altre patologie che, purtroppo, non si fermano durante l’emergenza. Per questo i sindaci sollecitano, inoltre, una particolare attenzione sulla necessità di rafforzare la medicina territoriale e i presidi sanitari esistenti».

Il documento è stato condiviso finora dai sindaci di Acquaformosa, Amaroni, Amato, Andali, Argusto, Badolato, Borgia, Brognaturo, Caraffa di Catanzaro, Cardinale, Carlopoli, Cenadi, Centrache, Cerva, Chiaravalle Centrale, Cicala, Civita, Cortale, Cropani, Fabrizia, Feroleto Antico, Fossato Serralta, Francavilla Marittima, Frascineto, Gagliato, Gimigliano, Girifalco, Gizzeria, Guardavalle, Isca sullo Ionio, Jacurso, Laino Borgo, Lungro, Magisano, Maierà, Marcedusa, Martirano Lombardo, Miglierina, Montepaone, Morano Calabro, Motta Santa Lucia, Nardodipace, Nocera Terinese, Olivadi, Palermiti, Pentone, Petrizzi, Petronà, Platania, San Donato di Ninea, San Floro, San Mango d’Aquino, San Nicola da Crissa, San Pietro Apostolo, San Vito sullo Ionio, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Scido, Sellia, Serrastretta, Sersale, Settingiano, Simbario, Simeri Crichi, Sorbo San Basile, Soverato, Soveria Mannelli, Soveria Simeri, Spadola, Squillace, Stalettì, Taverna, Tiriolo, Vallefiorita, Verbicaro, Zagarise. La proposta è stata fatta propria anche dall’Uncem Calabria, che ha invitato tutti i sindaci calabresi a sostenerla.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA