X
<
>

L'aeroporto di Lamezia Terme

Condividi
Tempo di lettura 2 Minuti

TAMPONE rapido al costo  di 50 euro per i passeggeri dell’aeroporto di Lamezia. Da mercoledi 9 giugno – spiega  Giuseppe Nucera, presidente del movimento “La Calabria che vogliamo”, già presidente di Confindustria Reggio Calabria «è attivo presso l’aeroporto di Lamezia Terme un servizio gestito da una società privata, che effettua tamponi ai turisti che ripartono dallo scalo calabrese verso i luoghi di destinazione. Il costo per ogni tampone rapido eseguito è di 50 euro. Giuseppe Nucera dice no alle speculazioni e chiede al presidente facenti funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, di intervenire sulla vicenda».

Nucera rimarca che «il prezzo di mercato di questo genere di tamponi è decisamente inferiore. Non si può speculare sulla salute dei cittadini, approfittando del Covid per applicare un costo assolutamente ingiustificabile».

E che «la Calabria in questo modo offre ai turisti che arrivano nella nostra regione un’immagine sgradevole e scorretta. Non si può scoraggiare chi arriva nella nostra regione per trascorrere le vacanze, proponendo un servizio a prezzi esorbitanti».

«Chiedo al presidente Spirlì di intervenire, invitando la società privata ad abbassare i prezzi e mantenerli in linea con quello che prevede il mercato. Il servizio viene effettuato su un’area pubblica, data in uso da Sacal, e in prossimità dell’area all’interno della quale opera la Protezione Civile».  

Il presidente della società di gestione degli scali calabresi, Giulio De Metrio «è stato  nominato proprio dalla Regione Calabria. Sono motivazioni che dovrebbero indurre la nostra regione a non prestarsi a questo tipo di decisioni discutibili operate da società private. Come accaduto  – conclude l’ex presidente di Confindustria di Reggio Calabria – in questo caso, con tamponi rapidi eseguiti al costo di ben 50 euro».

Condividi

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA