X
<
>

Una manifestazione di lavoratori precari

Condividi:

REGGIO CALABRIA – Il Consiglio dei ministri ha licenziato la legge di stabilità 2017 che ora dovrà essere approvata dal Parlamento. All’interno di essa ci sono provvedimenti importanti per la Calabria. È stato finanziato il fondo dei forestali per un importo di 130 milioni di euro. Un provvedimento analogo per gli Lsu-Lpu con uno stanziamento di 50 milioni di euro.

Aperture anche nel comparto delle infrastrutture in cui si delineano l’alta velocità, il corridoio jonico e un’accelerazione su Gioia Tauro. Per l’area portuale è stato programmato un incontro per mercoledì 19 ottobre in cui si discuterà dell’allegato del programma quadro.

Questi provvedimenti, per quanto riguarda la Calabria, sembrano segnalare una inversione di tendenza. Al punto da far dire al presidente Mario Oliverio: «Diamo atto al governo di aver rispettato gli impegni assunti con la Calabria che fanno seguito agli incontri che abbiamo avuto nei giorni scorsi a Palazzo Chigi con il sottosegretario De Vincenti proprio in vista della definizione della legge di stabilità 2017. Dunque un risultato importante che ci consente di guardare con maggior fiducia gli altri problemi attivando le necessarie misure per affrontarli».

Analogo compiacimento lo ha espresso l’on. Stefania Covello, responsabile Mezzogiorno del Pd che ha espresso parole di gratitudine nei confronti del premier Renzi.Nell’ambito della legge di stabilità ci sono altre misure che interessano la Calabria, al netto delle linee generali.Gli interventi per le imprese.Sul fronte imprese, previsto un abbassamento dell’Ires dal 27,5% al 24%, in parallelo all’introduzione dell’imposta sul reddito dell’imprenditore (Iri), con un’aliquota semplificata al 24% per profitti di artigiani e titolari di Pmi. Il decreto legge fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017 prevede invece uno stanziamento da un miliardo di euro per le piccole e medie imprese, risorse che arriveranno dal fondo della presidenza del Consiglio.

In arrivo 4,5 mld per Piano Casa Italia.Sono invece 4,5 miliardi gli stanziamenti della manovra per il piano Casa Italia per la ricostruzione post sisma in Italia Centrale, mentre il bonus ristrutturazioni edilizie verrà esteso a condomini e alberghi, con una dotazione complessiva di 3 miliardi di euro. Per il dissesto idrogeologico il governo ha previsto uno stanziamento complessivo di 7 miliardi in 7 anni.Migranti, Fondo speciale per i Comuni. La legge di bilancio 2017 prevede anche un Fondo speciale da 3 miliardi di euro – lo 0,2% del Pil – per sostenere le spese legate all’emergenza immigrazione e i Comuni impegnati nell’accoglienza dei migranti, spesa che verrà tenuta al di fuori del patto di Stabilità.

«I sindaci che accolgono sul loro territorio dei migranti – ha spiegato il premier – avranno riconosciuto un contributo specifico di 500 euro per migrante che permetterà di dimostrare molto concretamente che lo Stato è riconoscente alle comunità che danno una mano». In aggiunta al Fondo per i Comuni la legge di Bilancio prevede anche uno stanziamento di 200 milioni per un Fondo Africa per interventi mirati nelle rotte migratorie. 

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA