X
<
>

La sede della Sacal

Tempo di lettura < 1 minuto

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Niente stipendi di maggio e giugno per i lavoratori della Sacal, la società di gestione degli tre aeroporti calabresi.

Il direttore generale e il responsabile risorse umane della società, ha comunicato che per tutti i dipendenti il pagamento degli stipendi di questo mese avverrà in ritardo, a causa della crisi che per la Sacal sarebbe ricollegabile all’emergenza Covid.

La situazione di grave crisi di liquidità della Sacal, è stata messa nero su bianco nel verbale dell’ultimo incontro del 22 giugno scorso tra la società e le organizzazioni sindacali, mentre a fine maggio la richiesta del presidente facente funzioni della Regione, Spirlì e dell’assessore Orsomarso di un prestito di 4 milioni di euro a Fincalabra per salvare Sacal.

Intanto per domani è stata fissata l’assemblea dei soci con all’ordine del giorno la ricapitalizzazione, il tutto mentre i lavoratori stagionali dell’aeroporto rischiano di restare a casa.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA