Un tratto delle Gallerie del San Giovanni

Tempo di lettura 3 Minuti

CATANZARO – «CON la riapertura delle gallerie del San Giovanni, che rappresentano la storia della città di Catanzaro, parte il progetto di rilancio del centro storico voluto dall’amministrazione comunale».

LEGGI LA NOTIZIA SUI PRIMI IMPEGNI SULLE GALLERIE DEL SAN GIOVANNI

Con queste parole il sindaco Sergio Abramo ha dato il via alle manifestazioni in programma per l’inaugurazione dei passaggi segreti della Catanzaro Sotterranea a seguito dei lavori di recupero e di riqualificazione che hanno interessato la struttura. Ad aprire la giornata inaugurale è stato lo spettacolo degli sbandieratori e delle spade di fuoco, a cura del Gruppo storico Città di Catanzaro che si è svolto nell’area di Largo Prigioni, uno degli angoli più suggestivi e densi di valore storico del capoluogo. I visitatori sono stati accompagnati in un percorso enogastronomico promosso in collaborazione con Coldiretti Calabria con l’obiettivo di offrirà una vetrina eccellenze produttive del territorio. «Grande attenzione all’interno delle gallerie – ha rimarcato il sindaco – verrà offerta alle eccellenze nel campo dell’artigianato tipico calabrese, perchè vogliamo fortemente valorizzare le eccellenze manifatturiere e lo faremo grazie ad un progetto già in campo in sinergia con Fincalabra».

GUARDA IL VIDEO

Al taglio del nastro dei “camminamenti” erano presenti le autorità civili, politiche e militari del territorio, dall’ex presidente della Camera di Commercio, Paolo Abramo, al comandante della compagnia dei carabinieri Antonio Piccione, il consigliere regionale Mimmo Tallini e buona parte degli assessori e dei funzionari dell’amministrazione comunale.

LEGGI DEL VIAGGIO NEL CUORE SOTTERRANEO DI CATANZARO SVOLTO NEGLI SCORSI ANNI

«Restituire le gallerie al patrimonio storico cittadino e regionale rappresenta – ha sottolineato Abramo – un altro importantissimo tassello di un progetto di ampio raggio che comprende la presenza delle facoltà in centro di Sociologia e dell’Accademia delle Belle Arti che tra pochi mesi si insedierà nei locali dell’ex Educandato, i Corsi di Alta formazione universitaria al San Giovanni, la ristrutturazione di Palazzo Fazzari e della scuola Mazzini». In realtà per vedere il complesso monumentale del San Giovanni accogliere gli studenti dei master bisognerà attendere il mese di settembre. Il primo cittadino non ha celato il suo rammarico per la decisione dell’Università Magna Graecia di posticipare l’avvio delle lezioni, inizialmente previsto nel mesi di marzo. «A dire la verità ci sono rimasto male – ha affermato il primo cittadino – perchè non credo che vi erano motivi ostativi per partire già a primavera – l’Università ha ritenuto che le aule non fossero pronte ad accogliere gli studenti, non resta che attendere settembre». Intanto la tre giorni di festeggiamenti voluta dall’amministrazione nel centro storico continua. Tra le iniziative che si terranno nella giornata di oggi spicca la proiezione, alle ore 18 nella Sala Cenacolo dell’I.t.i.s. “E. Scalfaro”, del documentario “Segreti Passaggi” di Giuseppe Rachetta (vedi l’articolo a lato).

«Abbiamo intenzione di proseguire sulla strada della valorizzazione dello studio prodotto da Rachetta – ha detto Sergio Abramo – perchè riteniamo necessario andare fino in fondo per verificare quanto affermato nello studio, ovvero che dalle gallerie del San Giovanni è possibile addirittura raggiungere Villa Margherita».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •