Enzo Bruno

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – Via libera del Consiglio provinciale al Liceo europeo nel capoluogo regionale. La proposta è passata all’unanimità all’interno della delibera del dimensionamento degli istituti scolastici della provincia catanzarese. Tecnicamente il convitto Galluppi (scuola primaria) accorpa il Liceo Classico Pasquale Galluppi (scuola di secondaria di secondo grado che l’anno prossimo rischiava di scendere sotto la fatidica soglia di 600 alunni, il livello minimo per mantenere la dirigenza). Grazie all’operazione fortemente condivisa da tutte le forze politiche presenti nell’assise, presieduta da Enzo Bruno, si attiverà la sezione sperimentale (per i primi due anni) del Liceo europeo, una richiesta avanzata da quasi un decennio da una fetta consistente della cittadinanza. Nello schema di dimensionamento approvato è stata salvata l’autonomia anche del Liceo “Fiorentino” e dell’I.c. “Don Milani” di Lamezia Terme. La riorganizzazione scolastica decisa dalla Provincia catanzarese ora dovrà essere ratificata dalla Regione e dal Miur. Il presidente Bruno ha voluto rimarcare che la strategia del progetto scolastico è andata incontro alle esigenze di «alunni, famiglie e personale docente e non delle scuole».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •