X
<
>

Il regista botricellese Massimo Falsetta

Tempo di lettura 3 Minuti

BOTRICELLO – Nonostante le tante limitazioni dovute alla pandemia e la forte crisi che ha travolto il settore cinematografico, il regista calabrese Massimo Falsetta ha trionfato nel 2020 con una serie di riconoscimenti internazionali e nazionali che hanno tributato premi importanti per le sue due ultime pellicole. In copertina sono, infatti, finite “Virgo i piedi freddi delle donne” ed “Eclettico – fashion film”.

Falsetta, da sempre personaggio controcorrente, ha confermato le sue doti, ottenendo il palcoscenico internazionale con diversi festival nel mondo che hanno messo in catalogo i suoi film: da Miami, con due festival diversi, fino in Svezia, quindi Hidalgo in Messico, Roma e Bari e finalista in Svezia e a Varese.

Il sito personale dell’artista, massimofalsetta.com, ha presentato con una clip video, poi ripresa dai suoi canali social, il bilancio di questo successo nonostante le tante difficoltà vissute dal settore a causa proprio del Covid-19 e delle limitazioni collegate.

I riconoscimenti sono andati a “Virgo i piedi freddi delle donne”, cortometraggio di genere Sci-fi drammatico con protagonista Roberto Herlizka e la partecipazione di Anna Falchi, ed “Eclettico – fashion film”, il fashion film girato per un brand emergente nel settore della cosmesi.

Con “Virgo”, il regista di Botricello e residente a Roma ha vinto il premio “Best Drama” al Linear Film Festival di Manchester, in Inghilterra, quindi il “Best Cast” all’Alternative Film festival di Toronto, in Canada.

Anche la Calabria ha riconosciuto il lavoro di Falsetta, con Roberto Herlitzka che ha conquistato il “Best Actor” al festival “Colpo d’occhio” di Lamezia Terme.

Importanti sono state anche le esperienze e i riconoscimenti per “Fashion film”, una nuova forma d’arte che unisce in spot pubblicitari d’autore, che spesso sono dei veri e propri cortometraggi, cinema e moda al servizio sia dell’artista che, soprattutto, delle aziende e dei brand del settore della moda, del fashion, del luxury e non solo. La pellicola ha conquistato il premio Creative Contest Award al Chicago Fashion Film Festival, una delle manifestazioni più importanti al mondo dove gareggiano i migliori registi e brand mondiali.

Per quest’ultimo film è arrivata anche la vittoria a Bucarest e la proiezione a New York, Florida, Grecia e in Russia.

A novembre Falsetta ha vissuto anche un’esperienza particolare con la partecipazione ad una master class del corso “fashion studies” scienze della moda dell’Università “Sapienza” di Roma, con oltre cento studenti collegati da tutto il mondo.

Una serie di successi che, in un anno particolarmente complesso, fanno posizionare Falsetta tra i registi più premiati d’Italia.

Nonostante questa serie di traguardi, Falsetta non si è fermato e sta già lavorando al nuovo anno, magari con la speranza di poter tornare a girare nella sua Calabria, dove non mancano però le incertezze e i problemi: «In questi anni con la mia A.C.AR.I (Associazione culturale artisti italiani che ha prodotto i video di Falsetta) ho chiesto dei finanziamenti alla Calabria Film Commission, sia con le gestioni Curti che Citrigno, ma – ha spiegato – nonostante abbia presentato dei progetti vincenti di sessioni Mibact, uno su tutti promosso anche dall’associazione Luca Coscioni, hanno sempre trovato un modo “burocratico” per escludermi. Ora ho comunque ripresentato la domanda e spero di ritornare presto con un film, magari con una produzione cinematografica calabrese, come ho fatto con Onde Road».

«Quello che mi piacerebbe veramente, sarebbe aiutare le nostre eccellenze ad affermare il loro brand e la loro azienda – ha proseguito il regista botricellese – mostrare la Calabria bella e produttiva, con i suoi migliori marchi e brand. Di certo il mio valore aggiunto è la mia passione sfrenata per il mio lavoro e per la mia terra d’origine. Ricevo tanti contatti sul mio sito web www.massimofalsetta.com e spero ne arrivino tanti anche dalla Calabria».

Persino il video d’auguri per il nuovo anno, lanciato su Facebook e Linkedin, dove il regista calabrese auspica con ottimismo un ritorno al cinema attraverso un video emozionale, è stato ripreso e condiviso dalle associazioni Cna e Ueci (Unione esercenti cinematografici italiani), a conferma della duttilità di un regista che può contare su grandi qualità professionali riconosciute in tutto il mondo.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares