X
<
>

Neve a Camigliatello

Condividi:

COSENZA – È tornata la neve su tutte le zone montane della Calabria, dove mancava dallo scorso mese di dicembre. Il brusco calo delle temperature, previsto sin dalla serata di ieri, ha portato i fiocchi bianchi sul Pollino e sulla Sila, riportando la regione alle temperature invernali. Negli ultimi giorni il clima era stato particolarmente mite, fino a sfiorare i venti gradi, mentre nella giornata di oggi il termometro segna un calo di diversi gradi e temperature prossime allo zero su tutte le zone montane e premontane, nonostante un pallido sole presente in diverse zone. Soddisfatti gli operatori turistici dei centri montani, i quali sperano di recuperare un inverno non particolarmente soddisfacente.

Diverse le zone colpite anche da forti raffiche di vento che stanno creando disagi, ma senza particolari conseguenze. Al momento, dunque, non si segnalano particolari problemi. Vige l’obbligo di catene a bordo sull’autostrada del Mediterraneo, nel tratto tra Catanzaro e Cosenza. Un obbligo già operativo dal mese di novembre, con verifiche in corso da parte della Polizia stradale per evitare eventuali disagi in caso di nevicate anche sulla A2.

Le previsioni indicano ancora venti molto forti sull’Italia per il passaggio di un secondo nucleo freddo di origine nord-atlantica che porterà nuove nevicate fino a quote collinari sulle regioni adriatiche centrali e al Sud. In conseguenza dei forti venti settentrionali, con raffiche fino a burrasca forte, i mari centro-meridionali saranno agitati o molto agitati, con mareggiate lungo le coste esposte. Per un primo miglioramento bisognerà attendere la giornata di giovedì, quando venti e precipitazioni tenderanno ad attenuarsi.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio-sera di oggi, il persistere di venti forti o di burrasca dai quadranti settentrionali, su Umbria meridionale, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con raffiche di burrasca forte o locale tempesta sui settori costieri e sui crinali appenninici. Si prevedono, inoltre, forti mareggiate su tutte le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, 6 febbraio, allerta gialla sul versante nord-occidentale della Sicilia.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA