X

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – L’imprenditore Vincenzo Albanese, 48 anni, attualmente recluso presso la Casa Circondariale “Rosa Sisca” di Castrovillari per reati contro il patrimonio, riciclaggio, ricettazione, furto, truffa, falsità materiale e insolvenza fraudolenta, è il destinatario di un provvedimento di sequestro di beni emesso dal tribunale di Cosenza su proposta della Dia.

Secondo gli inquirenti, infatti, esisterebbe una «vistosa sproporzione tra redditi dichiarati e i beni nella disponibilità dell’uomo e del suo nucleo familiare» riferiti allo stesso periodo in cui è rimasto coinvolto in diversi procedimenti penali.

Sono stati così posti i sigilli a 3 capitali sociali ed interi compendi aziendali, quote societarie pari al 50% di un’azienda, 18 beni immobili, 49 beni mobili registrati, 16 rapporti finanziari e 11 polizze assicurative, per un valore complessivo pari a 4 milioni di euro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares