X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Il sindaco di Trebisacce, Francesco Mundo, ha scritto una lettera di protesta ad Oliverio: «Siamo sempre esclusi dalle scelte strategiche sui trasporti»

di FRANCO MAURELLA

TREBISACCE (CS) – «Purtroppo, ancora una volta, l’importante comprensorio regionale dell’Alto Ionio cosentino, comprendente 17 comuni che si estendono da Cassano-Sibari a Rocca Imperiale, rimane esclusa da scelte strategiche operate dalla Regione Calabria, riguardante i trasporti».

Comincia così la lettera che il sindaco Francesco Mundo ieri mattina ha spedito al presidente della Regione, Mario Oliverio, all’assessore regionale ai trasporti e infrastrutture, ai consiglieri regionali ed ai parlamentari calabresi, per lamentare l’assenza di collegamenti diretti con autobus di linea, tra l’Alto Jonio cosentino con l’aeroporto di Lamezia Terme con la cittadella regionale e con Catanzaro.

«Questo comprensorio – scrive Mundo – è l’unico della Calabria a non avere un collegamento diretto con autobus pubblici con l’aereoporto di Lamezia Terme, con la cittadella Regionale e con la città capoluogo. E’ un fatto gravissimo e non più tollerabile, anche in considerazione che tutti gli altri territori sono regolarmente ben collegati».

Peraltro, per come evidenzia il sindaco di Trebisacce, la soppressione dell’autobus di collegamento dall’Alto Ionio con Catanzaro è stato soppresso nel 2014 e ad oggi nessuno intervento di ripristino o sostitutivo è stato attivato. Dall’amarezza per la soppressione del servizio anzidetto all’evidenza dei disagi dell’Alto Jonio cosentino con «la linea ferroviaria Jonica in disuso e i collegamenti con i comuni dell’entroterra che stanno subendo ulteriori tagli con danni notevoli, ma soprattutto privazione dei diritti».

Da qui, l’appello del sindaco Mundo che scrive: «pertanto a nome di tutti i sindaci del comprensorio, chiedo espressamente la riattivazione del servizio di trasporto che colleghi i comuni interessati tramite linea diretta con L’aereoporto lametino, la cattadella regionale di Germaneto e la città capoluogo di Catanzaro». Al di la della richiesta, il sindaco di Trebisacce, anche a nome dei colleghi del comprensorio, chiede un incontro urgente con il presidente della Regione, Oliverio e l’Assesssore regionale ai trasporti, «per le opportune detereminazioni, riservandoi ogni altra utile iniziativa politica». «Ai consiglieri regionali e ai parlamentari –conclude Mundo – si chiede, per quanto di competenza, ogni opportuno intervento, diretto proprio ad eliminare la disparità di trattamento nei confronti delle popolazioni dell’Alto Jonico cosentino».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares