X
<
>

Alcuni dei capi contraffatti

Condividi
Tempo di lettura 2 Minuti

ROSSANO (CS) – Circa 800 capi potenzialmente pericolosi ritirati dal mercato grazie a un maxi sequestro di abbigliamento e accessori contraffatti da parte della guardia di finanza. L’operazione è stata eseguita dai finanzieri della compagnia di Rossano, coordinati dalla procura della Repubblica di Castrovillari, nell’ambito di mirati controlli sul territorio finalizzati a tutelare la legalità del commercio e la salute dei consumatori.

Le fiamme gialle, impegnate nella ricostruzione delle filiere di approvvigionamento e commercializzazione di merce contraffatta e, quindi, potenzialmente nociva per la salute dei consumatori, hanno individuato, nell’ambito del continuo controllo del territorio, un chiosco ambulante, dove la merce in vendita aveva marchi contraffatti ed è risultata non essere in regola non con le disposizioni legislative.

LE FOTO DELLA MERCE SEQUESTRATA

Successivamente i militari hanno esteso l’attività di controllo alle abitazioni e al magazzino nella disponibilità del venditore, scoprendo cospicue quantità di capi di abbigliamento, calzature e accessori recanti noti marchi di fama internazionale, tutti falsificati. Nel corso dei controlli sono state infatti rinvenute anche alcune etichette destinate, con ogni probabilità, ad essere applicate sui capi di abbigliamento al fine di renderli simili a quelli originali.

Tra i capi sequestrati figurano diverse centinaia di calzature recanti i segni distintivi di note marche tra cui Adidas, Hogan e Nike. Numerosi anche gli occhiali da sole con distintivi contraffatti di brand come Ray Ban e Christian Dior non originali e, quindi, potenzialmente dannosi per la salute del consumatore, oltre che lesivi del corretto e legale funzionamento del sistema economico e produttivo dei commercianti onesti.

La guardia di finanza, con l’occasione, ha ricordato che la commercializzazione di oggetti con marchi contraffatti o comunque di dubbia provenienza produce un notevole danno non solo ai produttori dei beni “originali”, che spesso profondono ingenti investimenti finanziari, finalizzati a migliorare i prodotti, ma anche ai consumatori finali dei beni. Questi ultimi, infatti, non solo avranno acquistato a prezzo maggiorato un prodotto che, nella stragrande maggioranza dei casi, è qualitativamente scadente, ma avranno esposto a notevoli rischi anche la loro salute dal momento che i prodotti indossati sono privi di ogni tipo di indicazione circa la loro produzione e i materiali contenuti.

Infatti, le sostanze di cui sono composti i prodotti simili a quelli ritirati dal commercio, sono sconosciute e prive di ogni controllo preventivo e successivo alla produzione. Le stesse, quindi, sono potenzialmente molto pericolose per l’integrità fisica dei consumatori, specie quando gli oggetti sono di quotidiano utilizzo, come accade per scarpe, borse o occhiali da sole. Tutti prodotti sequestrati nelle scorse ore dai finanzieri.

Condividi

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA