X
<
>

Il pagamento di una pensione

Condividi:

COSENZA – I finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria di Cosenza, coordinati dalla Procura, hanno notificato un decreto di sequestro preventivo per equivalente per un importo di oltre 280.000 euro nei confronti di cinque persone che incassavano indennità pensionistiche erogate dall’Inps in favore di familiari deceduti.

Gli accertamenti svolti dai finanzieri avevano evidenziato l’anomalo incasso da parte di numerosi ultranovantenni di trattamenti pensionistici. Rilevata l’anomalia si è proceduto a verificare la posizione di oltre 15.000 beneficiari di pensione e rientranti negli elenchi nominativi forniti dall’Inps.

Attraverso l’incrocio dei dati presenti nelle diverse banche dati e le anagrafi di diversi Comuni della provincia di Cosenza, è stata verificata l’effettiva esistenza in vita o l’eventuale decesso dei beneficiari della pensione. Dal riscontro eseguito è emerso che alcuni trattamenti pensionistici continuavano ad essere erogati anche dopo la morte del beneficiario, circostanza confermata dai successivi accertamenti eseguiti presso gli intermediari finanziari.

In particolare, dall’esame delle movimentazioni dei conti, è emerso che le somme erogate dall’Inps venivano incassate da cointestatari o delegati ad operare sui conti del beneficiario deceduto.

Cinque le persone indagate per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato. Fra i casi scoperti dai finanzieri, quello di un sessantenne che ha “beneficiato” di oltre 90.000 euro per aver incassato illecitamente la pensione del padre, deceduto nel 2010. Per tutti i cinque indagati, il gip presso il Tribunale di Cosenza, ha disposto un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del profitto dei reati. Le pensioni indebitamente incassate saranno quindi recuperate attraverso il sequestro dei beni nella disponibilità degli indagati.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA