X
<
>

Un'aula dell'Unical attrezzata per la didattica a distanza

Tempo di lettura 2 Minuti

RENDE (COSENZA) – Il rettore Nicola Leone ha recepito l’ultimo Dpcm e l’ordinanza regionale, aggiornata oggi per le università, emanando un decreto di adeguamento della didattica alle restrizioni indicate da Governo e Regione. È disposta, quindi, la sospensione delle attività didattiche in presenza, che passeranno in modalità a distanza.

In una nota l’ateneo precisa che «restano ferme, però, le attuali modalità di erogazione “mista” (in presenza e a distanza) delle attività didattiche, organizzate nel rispetto della normativa e dei protocolli di sicurezza vigenti, per gli studenti iscritti al primo anno dei corsi di studio (triennale e magistrale) e per gli studenti dei corsi di dottorato, nonché le attività di esercitazione in laboratorio e di tirocinio che richiedono necessariamente la presenza fisica in loco».

«Per tutta l’estate – si legge nel comunicato – la macchina organizzativa dell’Unical ha lavorato intensamente per la messa in sicurezza delle aule, delle mense e delle residenze universitarie, ha messo a punto l’app Smart Campus, capace di tracciare con precisione la presenza degli studenti nel Campus».

«L’Unical – ricorda il Rettore – ha dimostrato di essere un luogo sicuro: dal momento della riapertura in presenza solo 7 studenti sono risultati positivi, ma contagiati nei loro luoghi di provenienza, e sono stati subito messi in isolamento e assistiti. Per alcuni di loro, pur non risiedendo all’interno delle residenze universitarie, l’Unical ha deciso di fornire i pasti a domicilio. Sul fronte sanitario, abbiamo immediatamente attivato la figura del Referente Covid d’ateneo, con una mail dedicata per la segnalazione dei casi positivi e una per avere informazioni. Il tracciamento dell’app, come detto, è stato messo in tempo reale a disposizione dell’Asp che ha avuto subito il quadro completo dei contatti avvenuti nelle ore in cui gli studenti erano in Unical, e persino la vicinanza e il tempo trascorso con ogni singola persona. Uno strumento eccellente, come ha voluto ricordare anche il ministro Manfredi sui suoi profili social appena due giorni fa e come è stato riconosciuto da articoli apparsi sulla stampa nazionale».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares