X
<
>

I cerchi luminosi sul Lungofiume

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Sarà un Natale all’insegna dell’austerità quello che vivranno i cosentini. La città si illuminerà a festa, ma solo in centro. E il concerto di fine anno si farà, assicurano dal Comune, ma l’evento sarà più contenuto rispetto agli altri anni.

Tutto questo, del resto, si farà senza far uscire dalle casse del Comune, fresco di dichiarazione di dissesto, un euro. L’assessore alle Attività economiche e produttive Loredana Pastore sta lavorando da giorni con i commercianti per ottenere sponsorizzazioni e donazioni per il Natale cosentino.

Pronto, o comunque in dirittura d’arrivo, l’albero, interamente donato, che sarà acceso come da tradizione nel giorno dell’Immacolata. Anche le interlocuzioni per le luminarie di corso Mazzini sono a buon punto e nella prossima settimana dovrebbe iniziare l’installazione.

Se invece vi state chiedendo perché non si montino i cerchi, visto che il Comune nel 2012 li aveva ormai acquistati (al costo di 67mila euro), rimarrete delusi: gli hula hoop multicolor che fecero il loro esordio su piazza Bilotti per essere poi usati anche al Lungofiume, alla sagra di Donnici e su viale Mancini sono ormai inutilizzabili perché usurati e danneggiati.

Veniamo infine a Capodanno. Gli assessori Loredana Pastore e Rosaria Succurro stanno lavorando all’evento di fine anno, che sarà, anche questo, a costo zero per il Comune. Nessuna indicazione però al momento sull’artista o sul format dei festeggiamenti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares