X
<
>

Le condizioni degli autobus a Terranova

Condividi:

IN RISPOSTA alla comunicazione dell’amministrazione comunale di Terranova (Cs) intervengono, per Ferrovie della Calabria, l’amministratore unico, Aristide Vercillo Martino ed il dirigente preposto agli Autoservizi, Sergio Aiello.

A Terranova, infatti, il sindaco Lirangi ha scritto a Ferrovie della Calabria per lamentare lo stato fatiscente degli autobus utilizzati da studenti e pendolari in molti casi costretti a viaggiare con l’ombrello aperto, a causa di infiltrazioni d’acqua, o addirittura in condizioni di sporcizia e incuria (LEGGI LA NOTIZIA).

Preliminarmente il dott. Vercillo Martino ritiene utile evidenziare lo sforzo e l’impegno dell’Azienda nella programmazione di un piano di rinnovo del parco autobus, del quale si è ampiamente data comunicazione, che entro il prossimo anno dovrebbe arrivare ad avviare la sostituzione di circa 1/3 del parco attuale. Le prime consegne sono già pervenute e si sta procedendo agli allestimenti necessari, altri arriveranno nei prossimi mesi secondo una riprogrammazione necessaria per i noti problemi delle aziende costruttrici di approvvigionamento di alcuni componenti. Dopo questa premessa, non può ovviamente essere sottaciuto che la qualità del servizio erogato, ed in particolare la percezione della stessa da parte della clientela, non può prescindere dall’utilizzo di autobus di ultima generazione.

Il dirigente Sergio Aiello precisa che gli autobus utilizzati per l’effettuazione del servizio di Tpl vengono giornalmente igienizzati e regolarmente sanificati, nel rispetto di quanto previsto dalle norme vigenti in materia di contenimento della diffusione del Covid 19. La circostanza che un ratto si sia potuto introdurre all’interno del mezzo, tra l’altro non rinvenuto dal personale che è intervenuto ugualmente per la necessaria ed ulteriore sanificazione, non può vanificare l’attenzione che l’Azienda e le maestranze dedicano alla pulizia dei mezzi. Riguardo il problema delle infiltrazioni d’acqua all’interno degli autobus, si fa presente che nel corso delle recenti intemperie, per come avviene in casi analoghi, si sono verificati casi determinati dalla mancata chiusura in tempo utile della botola/tetto o dei finestrini laterali, che vengono lasciati aperti il più possibile per favorire l’areazione dei mezzi, o in alcuni casi aperti dagli stessi viaggiatori.

Nel caso invece il problema fosse stato conseguente a carenze strutturali, si sarebbe prontamente intervenuti per effettuare la richiesta riparazione.

Si coglie l’occasione, ancora una volta, per precisare che le attuali misure di contenimento della diffusione del Covid 19 prevedono una capienza massima a bordo degli autobus dell’80% dei posti disponibili (seduti + in piedi) previsti dalla carta di circolazione (sostanzialmente tutti i posti a sedere, per effetto del conteggio dei posti in piedi),  igienizzazione e sanificazione dei mezzi, dispenser e avvisi per l’utenza e obbligo del green pass per tutti i viaggiatori (escluso soggetti minori di 12 anni e soggetti esenti dal ciclo vaccinale), la scrivente ha disposto quanto necessario, attivando corse aggiuntive in base alle esigenze emerse dai tavoli prefettizi di coordinamento Scuole-Trasporti.

Allo stato attuale, il nostro personale di guida ha indicazioni di consentire la salita a bordo dei viaggiatori muniti di mascherina entro i limiti previsti dalla normativa nonché di segnalare ogni eventuale problematica al riguardo, per attivare le previste azioni correttive che prevedono il blocco del servizio in caso di mancata osservanza delle misure di contenimento della diffusione del Covid 19. Mentre il controllo sul possesso del richiesto green pass viene effettuato, con modalità a campione, da parte del personale preposto in possesso della qualifica di pubblico ufficiale.

In relazione alle condizioni degli autobus aziendali e la sicurezza del servizio erogato, si fa presente che gli stessi, seppur datati, sono regolarmente sottoposti agli interventi di manutenzione programmata e la loro idoneità viene annualmente verificata dai competenti Uffici della Motorizzazione Civile.

Sperando di aver fornito i doverosi chiarimenti, cogliamo l’occasione per scusarci dei disagi comunque subìti dalla clientela e chiediamo, allo stesso tempo, maggiore senso civico da parte dell’utenza che spesso arreca danni ai mezzi utilizzati creando un danno all’azienda e soprattutto ai viaggiatori che usufruiscono dei mezzi. Restiamo a disposizione per quanto ritenuto utile per migliorare il servizio offerto al pubblico.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA