X
<
>

Luke Otter e sua moglie Denise

Condividi:

COSENZA – Si sono presentati alla Calabria intera attraverso un post sul gruppo pubblico “La nostra Sila” che li ritrae sorridenti, entusiasti, e in brevissimo tempo sono stati accolti da una valanga di “benvenuti”. Luke Otter di Manchester in Inghilterra e sua moglie Denise di Singapore, hanno voluto comunicare a tutti di essere innamorati della Sila e di averla scelta come luogo in cui vivere.

Sono arrivati appena dieci giorni fa a Piano D’Arnice, una frazione di Acri in provincia di Cosenza, e tutti se li contendono per un invito a cena, delle escursioni tra i canyon della Sila o semplicemente per un caffè.

“I calabresi sono sorprendenti – spiega Luke nel suo italiano ancora incerto – tutti sono curiosi di sapere perché siamo venuti qui e hanno un cuore molto gentile e ci hanno offerto un’ospitalità straordinaria. Sul post che abbiamo pubblicato su Facebook, oltre settecento persone hanno commentato, accogliendo con profondo affetto la nostra decisione. Non potevo crederci. C’è un grande calore nel cuore dei calabresi e i loro “benvenuti” sono sinceri, grati”.

Luke Otter, 34 anni, è un biologo che si è trasferito a Singapore quando aveva 18 anni. E proprio nella piccola nazione asiatica ha incontrato Denise che di professione fa l’ingegnere e si sono sposati. Entrambi ora hanno la possibilità di lavorare a distanza.

All’inizio del 2021 sono arrivati in Italia e si sono stabiliti subito al nord, poi hanno deciso di scendere verso sud.

“Eravamo stanchi della vita in città a Singapore – continua Luke – troppo stress, affollamento, rumore. Volevamo trasferirci in un posto tranquillo e vivere tra persone amiche. Ho fatto delle ricerche sulle diverse aree d’Italia e mi sono imbattuto nel Parco nazionale della Sila. Sono tanti anni che nutro tante curiosità sulla Calabria, una regione dimenticata dall’Italia nonostante le sue tradizioni e la sua cultura siano molto forti. La vostra terra ha delle cose che io e mia moglie amiamo molto: montagne bellissime – e noi siamo gente di montagna – prodotti biologici freschi e fantastici, persone gentili, ospitali e cibo piccante. E Denise ed io che abbiamo trascorso la maggior parte della nostra vita a Singapore, adoriamo il cibo piccante. Mia madre non sapeva neanche dove fosse la Calabria, ho dovuto spiegarglielo, ma lei è curiosa quanto me e non vede l’ora di venirla a visitare”.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA