X
<
>

Il tribunale di Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

RENDE (COSENZA) – Secondo l’accusa, per più di tre anni avrebbe minacciato ripetutamente di morte l’ex compagna, a cui inviava messaggi minatori.

I carabinieri della Compagnia di Rende hanno, quindi, arrestato e posto ai domiciliari un quarantatreenne di Cosenza con l’accusa di stalking.

I militari hanno notificato all’uomo l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Cosenza in accoglimento di una richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica. Le indagini, avviate a seguito della denuncia della donna, ripetutamente vessata e minacciata, hanno evidenziato che l’uomo ha attuato una serie di reiterate condotte finalizzate ad atterrire la vittima, talvolta anche con azioni violente consistenti in vere e proprie aggressioni o minacce di morte estese anche ai
familiari.

La donna veniva seguita ovunque, sul luogo di lavoro, nei pressi dell’abitazione e in quella dei propri familiari, vedendosi letteralmente perseguitata.

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares