X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

ROVEREDO IN PIANO (PORDENONE) – La donna uccisa dal compagno la notte scorsa a Roveredo in Piano (Pordenone) si chiama Aurelia Laurenti, aveva 32 anni ed era mamma di due bambini di 8 e 3 anni, che avrebbe avuto dall’omicida. I piccoli non hanno assistito alla tragedia perché, da quanto si è appreso, erano dai nonni materni, che abitano in un paese poco distante.

L’assassino, che si è costituito in Questura a Pordenone, si chiama Giuseppe Forciniti, ha 33 anni, di professione infermiere, originario di Cosenza. Si era trasferito in Friuli molti anni fa. Insieme con la compagna era andato a vivere a Roveredo nel 2013, nella villetta dove attorno a mezzanotte è avvenuta la tragedia.

L’uomo, poco prima dell’una di notte, si era presentato alla Questura di Pordenone dicendo prima di aver avuto una colluttazione con un ladro sorpreso in casa e poi di aver avuto una lite con la moglie. Non sono sfuggite ai poliziotti le mani insanguinate dell’uomo e gli evidenti tagli sulle stesse.

Una volta giunti sul posto, gli agenti della polizia hanno trovato la compagna dell’uomo priva di vita e con ferite da arma da taglio al collo. L’uomo è stato tratto in arresto per il reato di omicidio volontario e l’abitazione è stata sottoposta a sequestro per ulteriori accertamenti.

Questa la versione dell’uomo: «Sono stato aggredito fisicamente dalla mia compagna mentre ci trovavamo in camera da letto. E’ anche comparso un coltello, con cui ha cercato di colpirmi. Ne è nata una colluttazione, durante la quale ho afferrato l’arma e l’ho colpita una sola volta, al collo. Lei è caduta a terra e io sono uscito dalla stanza in stato di choc». L’interrogatorio col sostituto procuratore di Pordenone Federico Facchin è stato caratterizzato da numerose pause in cui l’uomo ha detto di essere sconvolto e ha pianto a più riprese. Secondo quanto avrebbe detto a inquirenti e investigatori, i rapporti con la compagna erano diventati burrascosi e c’erano liti.

I genitori dell’omicida, che si sono messi in viaggio dalla Calabria per raggiungere il Friuli, hanno nominato come avvocato difensore di fiducia Ernesto De Toni, del foro di Padova.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA