X
<
>

Il carcere di Corigliano Rossano

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Un detenuto ha aggredito due agenti di polizia penitenziaria nel carcere calabrese di Rossano (Cosenza).

L’autore dell’aggressione, un giovane di origine tunisina, ha procurato agli agenti lesioni giudicate guaribili in 10 e 15 giorni.

Non si è fatta attendere la reazione del Sappe, sindacato autonomo di polizia penitenziaria, che tramite i segretari Durante e Bellucci ha biasimato la situazione complicata all’interno delle carceri dove confluiscono tutti i soggetti con problemi psichiatrici.

“La polizia penitenziaria – hanno commentato i sindacalisti – non possiede la preparazione e soprattutto i mezzi per fronteggiare questi detenuti. Da tempo chiediamo la dotazione di taser mentre a livello nazionale aggressioni e colluttazioni sono circa settemila all’anno”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares