X
<
>

La donazione dei funghi da parte dei carabinieri

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Durante una attività di controllo sulle modalità di raccolta dei funghi epigei spontanei, i carabinieri forestale di Montalto Uffugo e Cerzeto, hanno effettuato una confiscato oltre 70 chili di funghi della specie Boletus Edulis e Amanita Caesarea.

I controlli sono stati effettuati in particolare durante le prime ore del mattino in località “Manca Gallina” di Montalto Uffugo ed hanno portato alla verifica di oltre quaranta raccoglitori.

Ad alcuni di essi sono state elevate contestazioni amministrative per oltre duemila euro.

I Militari dell’Arma Forestale tre le violazioni più comuni hanno riscontrato l’assenza delle prescritte autorizzazioni, quali il tesserino regolamentare obbligatorio previsto dalla legge, i quantitativi eccedenti il consentito ed in alcuni casi il trasporto in contenitori non idonei.

Per motivi di sicurezza e di igiene sanitaria il quantitativo di merce confiscato è stato verificato dal micologo competente della Asp di Cosenza, il quale dopo un controllo accurato su ogni singolo fungo ha dichiarato la loro commestibilità.

Tutti i prodotti confiscati sono stati donati in beneficenza all’Ente Religioso Suore Minime della Passione di N.S.G.C. per minori “Sant’Antonio”, alle Suore Minime del Centro Donne in Difficoltà di “Santa Rita da Cascia” ed ai Pii Operai Catechisti Rurali dei “fratelli Ardorini”, note congregazioni della città di Montalto Uffugo.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA