X
<
>

L'ospedale Annunziata di Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – L’ospedale dell’Annunziata di Cosenza ha avviato l’utilizzo degli anticorpi monoclonali, la nuova opzione terapeutica per la cura del Covid, in pazienti in condizioni cliniche lievi o moderate, ma con fattori di rischio, quali l’obesità, le patologie croniche importanti, i trattamenti emodialitici  che possono peggiorare il quadro clinico

Il protocollo, ha spiegato l’Azienda ospedaliera, coinvolge i medici delle Usca, i medici dei distretti territoriali e i medici di famiglia e prevede la somministrazione dei monoclonali anche a pazienti in pronto soccorso che possiedono i criteri di eleggibilità.

«L’obiettivo prioritario dell’ opzione terapeutica  – ha dichiarato il direttore sanitario Angelo Barbato – è quella di bloccare la progressione della patologia e ridurre il numero dei ricoveri».

Alla farmacia dell’Annunziata sono giunti tre tipologie di anticorpi monoclonali:  Bamlanivimab, Bamlanivimab + Etesevimab e Casirivimab + Imdevimab che consentono, al momento il trattamento di 99 pazienti.

Un’unica somministrazione endovena, spiegano gli esperti del nosocomio, e l’anticorpo monoclonale riconosce la proteina espressa dal virus denominata “Spike” o “S”  e legandosi alla stessa impedisce al virus di ancorarsi alla cellula e successivamente di essere riconosciuto come estraneo dal nostro sistema immunitario, che procede alla distruzione.

«Gli anticorpi monoclonali sono un’opzione terapeutica – ha concluso Barbato  – nell’ambito di trattamenti destinati a pazienti con sintomi lievi o moderati, che si aggiungono alla strategia di contrasto alla diffusione del virus in cui restano prioritarie le misure di prevenzione e vaccinazione».

  •  
  • 93
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares