X
<
>

Il centro vaccinale gestito dall'Esercito a Vagliolise

Condividi:

COSENZA – Circa 200 persone si sono presentate ai cancelli dell’ospedale da campo di Cosenza nella giornata di oggi convinte di poter ricevere il vaccino anti-Covid senza prenotazione. Il personale militare del centro vaccinale gestito dall’Esercito ha dovuto mandarle a casa perché autorizzato a ricevere solo soggetti fragili con regolare appuntamento rilasciato dalla piattaforma.

«Ho letto su un sito», «ho ricevuto un messaggio Whatsapp», «in un commento sui social…» si parlava di vaccini per tutti – hanno raccontato – senza bisogno di registrazione. E così le vittime di una bufala circolata nelle scorse ore sul web si sono moltiplicate di ora in ora, rendendo complicata la vita del personale del presidio già impegnata nella gestione della vaccinazione straordinaria del 24 aprile.

«Al Gom di Reggio Calabria, sia il sabato che la domenica (24 e 25 aprile, ndr), si potranno vaccinare i soggetti fragili – si legge sul sito della Regione Calabria in un comunicato pubblicato il 21 aprile scorso – lo stesso si potrà fare all’ospedale da campo di Cosenza, ma solo nella giornata di sabato […] Al via da stasera le prenotazioni sulla piattaforma di Poste italiane».

Più precisa la comunicazione del giorno successivo, 22 aprile, accessibile sempre sul sito dell’amministrazione regionale: «Le somministrazioni dei soggetti fragili avverranno esclusivamente nel Gom di Reggio Calabria, sia sabato che domenica, e nell’ospedale da campo di Cosenza, solo nella giornata di sabato. Obbligatoria la prenotazione».

Ad alimentare la forza della fake news diffusa nelle ore successive è stata con ogni probabilità anche la confusione che ha caratterizzato il fine settimana della vaccinazione di massa, con diversi annunci istituzionali – talvolta contrastanti – riguardanti “open day” per over 60 in numerosi centri della provincia (LEGGI).

Alla fine il caos dell’ospedale da campo è stato controllato senza particolari momenti di tensione, grazie al generale clima di collaborazione e alla reputazione di cui gode l’Esercito sul territorio. Ma la delusione delle persone in fila all’esterno della struttura è stata tanta.

Nella giornata di oggi è prevista la somministrazione del siero Pfizer per 600 soggetti fragili, mentre domani, in occasione del 25 aprile, nell’ospedale da campo (dove di solito non si vaccina di domenica) si terrà una vaccinazione straordinaria per cittadini over 60, a cui verrà inoculato il preparato Vaxvevria (AstraZeneca) dalle 9 alle 22. E, dettaglio mai così rilevante, solo su prenotazione sul sito https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA