X
<
>

Una vaccinazione

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Sono stati vaccinati con la prima dose di Pfizer cinquanta afghani, che risiedono nelle strutture militari della Sila cosentina. Non solo uomini e donne, ma anche ragazzi dai 12 anni in su, così come previsto dalle disposizioni del Governo.

Ad eseguire la somministrazione nell’ambito di un’apposita campagna vaccinale, il team mobile dell’Esercito Italiano, in collaborazione con l’Usca di Cosenza, che con l’attività di ieri ha terminato le vaccinazioni a domicilio iniziate il 16 giugno scorso.

Alcuni dei profughi afghani ospitati nelle strutture cosentine non si sono sottoposti al vaccino perché prima del loro arrivo in Italia hanno contratto la malattia o gli è stato inoculato il vaccino indiano Covaxin.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA