X
<
>

I carabinieri del nucleo forestale di Montalto Uffugo

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Due fratelli di Rota Greca sono stati denunciati dai Carabinieri Forestale di Montalto Uffugo per il reato di tentato incendio boschivo doloso e violazione di sigilli.

I due uomini, proprietari di una azienda agricola ovicaprina, già in sequestro per irregolarità edilizie e per aver smaltito illecitamente rifiuti, si sono resi responsabili di un tentato incendio di più porzioni di terreno pascolivo, costituto in prevalenza da macchia mediterranea, in località “Pietrebianche” di Rota Greca.

La località è la stessa della scorsa estate, quando durante un incendio andarono distrutti oltre 60 ettari di macchia mediterranea e uliveti abbandonati. I due pastori, attraverso piccoli roghi, volevano rinnovare il pascolo favorendo la rapida ricrescita dell’erba per garantire foraggio fresco per i propri animali.

Il principio d’incendio, sviluppatosi nei giorni scorsi, è stato immediatamente avvistato da una pattuglia dei militari in servizio che, grazie all’analisi storica sull’incidenza degli incendi sulla zona, hanno immediatamente individuato i responsabili, uno di essi trovato poi, in seguito a perquisizione personale, in possesso di due accendini tascabili utilizzati poco prima per innescare l’incendio.

Oltre alla denuncia per il tentato incendio boschivo, durante le indagini si è anche riscontrata la violazione dei doveri inerenti la custodia dell’allevamento in sequestro: infatti uno dei fratelli, senza l’autorizzazione dell’autorità giudiziaria, accedeva incurante degli obblighi di legge all’interno dei ricoveri degli animali.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares