X

La pulizia della spiaggia con i buoi messa in scena a Mandatoriccio

Tempo di lettura 2 Minuti

MANDATORICCIO (COSENZA) – Non ha tardato la presa di posizione del Comune di Mandatoriccio dopo la plateale protesta messa in scenda dal titolare del Centro turistico Balneare Tuareg che aveva pulito, con scarsi risultati, la spiaggia utilizzando due buoi (LEGGI).

Con due brevi note pubblicate su Facebook, infatti, il Comune di Mandatoriccio ha precisato che la spiaggia in questione fa parte delle aree ricadenti nel perimetro del S.I.C. (Sito di importanza comunitaria) Dune di Camigliano Rete Natura 2000 (dove appunto si trova la spiaggia in questione) «è vietato l’uso di mezzi meccanici per la pulizia delle spiagge, e che sia il comune, per le spiagge libere, che i titolari di concessione demaniale marittima devono provvedere alle operazioni di pulizia manualmente», come si evince anche da una missiva della Regione Calabria (ufficio demanio marittimo) dello scorso 23 giugno. «Di conseguenza – prosegue il testo del Comune – ogni pretesa in violazione di legge e delle direttive regionali sarà da questo Comune disattesa per il principio di legalità operante in questo Ente».

Tuttavia l’Ente locale ha voluto fornire ulteriori informazioni per dimostrare come in realtà l’amministrazione sia comunque attenta e impegnata per affrontare il problema.

In una successiva nota, infatti, si legge che «questo Ente già nel mese di giugno 2019, sensibile alle esigenze degli operatori turistici del nostro litorale, ha avanzato richiesta alla Regione CALABRIA U.d.P – Demanio Marittimo – per l’utilizzo di mezzi meccanici di piccola stazza per la pulizia della spiagge in AREA S.I.C.».

Tuttavia «con nota del 25 giugno 2019, la Regione CALABRIA ha comunicato a questo ente l’assoluta impossibilità di utilizzo di mezzi meccanici di qualsiasi tipo, disponendo la pulizia dell’arenile con sistemi alternativi e a mano al fine di assicurare la preminente conservazione delle specie botaniche autoctone».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares