X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – A pochi chilometri di distanza dal viadotto Cannavino sulla SS 107 silana-crotonese sorge il ponte Gangarello – precisamente al km 57,400 in località San Pietro in Guarano, nel tratto che collega Spezzano della Sila a Camigliatello – interessato già prima delle festività natalizie da alcuni provvedimenti attuati da Anas per eseguire verifiche di laboratorio sulla struttura e valutare così lo stato e la portata consentita dal ponte. Il 10 dicembre è stata disposta la chiusura provvisoria della strada per essere poi immediatamente riaperta nel giro di qualche ora, attivando il senso unico alternato della circolazione, regolato dai semafori.

Durante la sospensione del traffico sul viadotto, il percorso alternativo consigliato indicava l’uscita al km 59,000 della SS107, località Fago del Soldato (CS), e il rientro sulla statale al km 45,500, località Spezzano Sila. Viceversa per i pendolari diretti a Crotone. La strada secondaria però con la neve e la patina ghiacciata che si potrebbe creare sull’asfalto costituisce un problema a bordo delle auto.

Numerosi risultano i disagi registrati nei giorni scorsi provocati lungo le carreggiate della statale 107, dove lunghe code hanno rallentato il transito dei veicoli, minacciando le presenze turistiche attese ogni anno sull’Altopiano nella stagione invernale. Per evitare il disastro il sindaco di Spezzano della Sila, Salvatore Monaco, più volte avrebbe contattato, certificando il momento, l’Ente stradale, per avere notizie certe sullo stato dei lavori stradali relativi al tratto che congiunge il centro presilano alla località di Camigliatello – sotto la giurisdizione del comune che lo stesso amministra – e programmare al meglio tutto l’iter per agevolare i conducenti.

Il sindaco di Celico, Antonio Falcone, tramite canali social, il 6 gennaio, ha invece tranquillizzato gli utenti diretti sulle vette imbiancate e in discesa a valle, scongiurando l’imminente chiusura del ponte e spiegando che sono ancora in atto delle verifiche. Interpellando i canali ufficiali, Anas comunica che al momento sul viadotto Gangarello il traffico è interdetto ai soli mezzi pesanti con massa superiore alle 3,5 tonnellate, mentre è consentito a tutti gli altri veicoli su una singola corsia a senso unico alternato regolato da impianto semaforico. Attualmente, specifica l’Ente, che le fasi di lavorazioni previste impongono una chiusura dell’intera carreggiata per un periodo limitato di circa 30 giorni, che sarà comunicato prossimamente. Gli interventi previsti nei giorni di chiusura riguardano il risanamento di una delle sette campate del viadotto. Alla fine del periodo di manutenzione la circolazione ritornerà con senso unico alternato su una sola corsia per consentire i lavori sulle altre sei campate.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares