X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – I consiglieri regionali Graziano Di Natale e Giuseppe Aieta chiedono la convocazione della Commissione Speciale Permanente in seno al Consiglio Regionale della Calabria per ascoltare il gruppo di docenti universitari calabresi e siciliani che hanno elaborato un documento sulla sostenibilità della realizzazione di tre grandi interventi (alta velocità a 300 km/h, autostrade smart, grandi porti).

“Sono tutte infrastrutture – dicono Di Natale e Aieta – basilari per la crescita di due regioni del sud, Calabria e Sicilia, nelle quali vivono sette milioni di italiani, e necessarie per affermare e consolidare un ruolo centrale del nostro Paese nel contesto del bacino euro – mediterraneo”.

L’argomento è quanto mai attuale ed urgente, a parere dei due consiglieri regionali, in quanto “dal Piano Nazionale sono emerse alcune importanti criticità: invece di prevedere investimenti per la realizzazione di nuove opere si è giocato al ribasso inserendo progetti in parte già finanziati. Una proposta di Recovery Plan senza un preciso “Obiettivo Sud” e senza le opere infrastrutturali per esso necessarie, sarebbe priva di respiro strategico e di una proiezione per il futuro dell’Italia”.

Aieta e Di Natale, inoltre, fanno riferimento al progetto di fattibilità della ferrovia Salerno-Reggio Calabria “realizzato senza una adeguata e proficua interlocuzione con la Regione Calabria, come invece stabilito in sede di Patto per la Calabria. In più le caratteristiche tecniche del progetto non garantiscono una vera Alta Velocità che consenta di collegare Roma con lo Stretto (600 Km) in 3 ore, ovvero con la stessa quantità di tempo della Roma-Milano (600 km). Ecco perchè è necessario ascoltare i professori universitari che hanno approfondito ogni aspetto sia tecnico che di programmazione al fine di tenere acceso il faro sul tema degli investimenti per le opere infrastrutturali, i cui appostamenti finanziari precedenti sono adesso disponibili”.

Nelle intenzioni dei due consiglieri regionali, l’incontro sarebbe poi seguito dalla richiesta di un’audizione al Governo nazionale sui trasporti.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA