X
<
>

Marco Miccoli

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Mentre le acque all’interno del Pd sono sempre più agitate, arrivano nella giornata di oggi le dimissioni di Marco Miccoli, commissario della federazione provinciale del Pd di Cosenza.

La motivazione indica «indifferibili impegni personali», ma appare difficile ricostruire questa ipotesi in un momento in cui i democratici stanno vivendo continue scosse di terremoto interne che ne stanno destabilizzando la tenuta.

La scelta del candidato presidente, con il nome dell’imprenditrice Maria Antonietta Ventura, ha destabilizzato la dirigenza locale del partito che si è trovata a fare i conti con un nome imposto da Roma, nel nome dell’alleanza Pd 5 Stelle che imponeva una figura civica.

A questo si aggiunge la crisi già in atto nei democratici e l’iniziativa politica di Mario Oliverio che sta creando non pochi problemi nei democratici cosentini, con continue fuoriuscite e sempre più numerosi ammiccamenti.

Il risultato finale è che, insieme a tanti altri segnali, appare difficili credere ai “motivi personali” mentre proprio la provincia di Cosenza appare la realtà con il clima peggiore.


Miccoli nel suo messaggio ha affermato: «Ho aspettato l’esito delle primarie di Roma e la conclusione della vicenda che riguarda la candidatura alla presidenza della Regione, per comunicare, causa indifferibili impegni personali, le mie dimissioni da Commissario della Federazione provinciale di Cosenza. Ho già inviato la comunicazione al Segretario Nazionale del Partito».

Miccoli ha, comunque, espresso la propria soddisfazione per il lavoro svolto: «Grazie a tutte e a tutti per la collaborazione che non mi avete fatto mai mancare in questi due anni, sono contento di aver fatto questa esperienza e aver avuto modo di collaborare con persone come voi. In bocca al lupo per tutto».

Il partito ora dovrà nominare un nuovo commissario in vista delle elezioni amministrative del prossimo autunno.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA