X

Tempo di lettura 2 Minuti

L’istituto di Istruzione Superiore “Mancini Tommasi” di Cosenza, in occasione del 25  novembre, Giornata mondiale contro la violenza alle donne, ha organizzato nella sede centrale della scuola, in via Consalvo Aragona, l’iniziativa “Ti prendo per la gola… solo così”.

Un’insolita brigata di cucina, guidata dallo chef Emanuele Mancuso affiancato da professionisti della città, preparerà piatti che saranno serviti alle partecipanti e ai partecipanti.

L’evento avrà ampia diffusione mediatica grazie anche alla disponibilità del “Quotidiano del Sud” che trasmetterà i momenti salienti della manifestazione.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA CON LE FINESTRE VIDEO IN DIRETTA

Tanti i partner che hanno garantito sostegno e disponibilità, a cominciare dal Centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino” che da oltre trent’anni rappresenta, sul tema, un punto di riferimento per la città e non solo. Il maestro orafo Gerardo Sacco creerà un gioiello unico dedicato all’iniziativa che sarà donato e messo in palio, devolvendo il ricavato al centro “Lanzino”. La gioielleria “Scintille” omaggerà le ragazze dell’istituto con un monile recante lo slogan dell’iniziativa. Altri sponsor contribuiranno alla riuscita dell’evento, mettendo a disposizione prodotti, expertise e le specificità necessarie. I nomi degli chef dilettanti e dei maitre saranno rivelati nel corso dell’attività. Il lavoro di preparazione si svolgerà sotto gli occhi di un parterre di ospiti che animeranno una discussione informale sul tema della violenza di genere, stimolati anche da domande e interventi degli studenti. 

“Ti prendo per la gola… solo così” testimonia la capacità dell’IIS“Mancini Tommasi”, guidato dalla dirigente scolastica Graziella Cammalleri, di realizzare un vero e proprio evento, puntando sulle proprie specificità di indirizzi formativi. Mettere insieme tanti soggetti, imprenditori, artisti, associazioni, professionisti, armonizzarne le peculiarità, ricevere disponibilità e collaborazione per un obiettivo di valore sociale, indica, a un tempo, credibilità acquisita sul campo e nel tempo, professionalità riconosciuta e consolidata.

Il brand grafico è stato ideato e donato alla scuola dalla giornalista Rosellina Arturi e realizzato dalla Adt Group. L’idea della manifestazione e lo slogan sono invece della professoressa Felicita Cinnante.

L’idea progettuale intende lanciare una provocazione mirata a decostruire gli stereotipi, ad esempio l’assegnazione e separazione di compiti, che alimentano la cultura della violenza alle donne che è una violazione dei diritti umani, riconosciuta dall’Onu e da diversi trattati internazionali, non ultima la Convenzione e di Istanbul ratificata dal nostro Paese. 

Intervenire sulla prevenzione e sulla formazione è importante, e la presenza nelle scuole viene sollecitata anche dalle leggi dello Stato italiano. In tal senso si intende dare forza e riconoscere l’importante ruolo che svolge il centro “Lanzino”, sia nella prevenzione che nel contrasto della violenza alle donne.

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares