X
<
>

Studenti Unical all'Officina delle Culture con Adelmo Cervi

Condividi:

SOLTANTO vivendo a lungo una realtà puoi raccontarla, nel bene e nel male. Non raccontare le storie positive, girare lo sguardo da un’altra parte non sarebbe giusto: per noi giornalisti e per voi lettori. Dobbiamo essere sempre capaci di raccontare quella parte enorme della vita (lo faremo sempre di più) fatta di belle storie, azioni buone, impegno e merito. E soprattutto raccontare le storie di chi è riuscito a ritrovare un nuovo percorso proprio “ispirandosi” a esempi positivi, ad abbracciare progetti dal basso, di vera legalità, lavorando, studiando, piuttosto che delinquere.

SCOPRI LO SPECIALE DEL QUOTIDIANO SUI QUADERNI DEL SUD

C’è fame di realtà, c’è sete di vere verità. L’idea di cambiare le cose deve essere vista e vissuta in modo molto più pragmatico. L’esperienza dell’Officina della Culture “Gelsomina Verde” è il simbolo tangibile di una Scampia che vuole cambiare registro. In tanti dovrebbero chiedere scusa a questa terra. A partire dalla politica. La camorra si è evoluta semplicemente perchè ha trovato terreno fertile. I residenti di Scampia, come quelli di altre periferie di Napoli e del Meridione, non hanno avuto le opportunità per mettersi in gioco e garantire una vita dignitosa a loro e alle loro famiglie.

[editor_embed_node type=”photogallery”]78061[/editor_embed_node]

 

E, in tanti casi, la criminalità organizzata è stata una apparente ancora di salvezza: nella realtà è stata la distruzione di intere esistenze. Il trascorrere del tempo ha fatto il resto. Intere famiglie sono confluite nelle organizzazioni camorristiche di Napoli e del suo hinterland. Violenza su violenza. Un maledetto pane quotidiano. E’ l’ora di dire basta. La coscienza è il senso d’identità che ci accompagna in ogni istante, presenza che prescinde dall’età, dalle emozioni e dagli eventi che hanno segnato la nostra memoria e il nostro percorso.

Oggi la coscienza per una civile ribellione non è più un miraggio a Scampia. Un risveglio che in tanti temono. A partire da quella classe politica che negli anni ha contribuito a trasformare le periferie del Meridione in veri e propri ghetti. Scampia è un modello per una nuova egemonia culturale. Un modello che testimonia come è possibile risorgere, con forza e determinazione, dal profondo degli abissi.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA