X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

COSENZA – I neospecializzati sul sostegno per le scuole di secondo grado della provincia di Cosenza ci tengono a precisare tre elementi in questi giorni di fremente attesa per le nomine scolastiche:

1) Emerge una fortissima crescita delle richieste di utilizzazioni da posto comune a posto di sostegno in provincia di Cosenza. In dodici mesi le richieste di utilizzazioni provinciali da posto comune a posto di sostegno sono cresciute da 88 a 140. Le richieste di utilizzazioni interprovinciali sono cresciute da 5 a 10. In provincia di Catanzaro, per fare un confronto, quest’anno sono state accettate 15 richieste di utilizzazione provinciale da posto comune a posto di sostegno e 0 richieste di utilizzazione interprovinciale sul sostegno. Le utilizzazioni provinciali da posto comune a posto di sostegno possono essere chieste da due categorie di docenti: docenti specializzati e docenti appartenenti a ruoli, posti o classi di concorso in esubero, seppur privi di specializzazione. Per le utilizzazioni interprovinciali sul sostegno i requisiti sono ancora più stringenti.

Nel file pubblicato sul sito del Provveditorato, i docenti richiedenti utilizzazione provinciale da posto comune a posto sostegno non sono stati suddivisi in alcuna categoria, ma una distinzione sarebbe molto importante. Infatti, i docenti specializzati richiedenti utilizzazione hanno pieno diritto a ottenere subito l’utilizzazione. Ma, ai docenti non specializzati, il Provveditorato non deve concedere loro l’utilizzazione prima dell’accantonamento di un posto per ogni docente specializzato presente nelle graduatorie supplenze. Infatti l’art. 9 comma 3 del CCNI utilizzazioni e assegnazioni provvisorie recita testualmente: “Le operazioni per la copertura dei posti di sostegno, mediante utilizzazione a domanda dei docenti non forniti del prescritto titolo e titolari su posto comune, saranno disposte dopo aver accantonato un numero di posti di sostegno corrispondente ai docenti specializzati aspiranti a rapporto di lavoro a tempo indeterminato e determinato”.

Dei richiedenti utilizzazione da posto comune a posto di sostegno, chiediamo di conoscere i nomi di quanti appartengono alla categoria dei docenti specializzati e i nomi di quanti invece non possiedono la specializzazione, pur appartenendo legittimamente alle categorie dei docenti che possono presentare domanda di utilizzazione sul sostegno senza specializzazione. Noi siamo certi al 100% che il Provveditorato, considerate la serietà e la scrupolosità che hanno sempre contraddistinto il suo operato, ha incluso nell’elenco dei richiedenti utilizzazione soltanto docenti appartenenti ad almeno una delle categorie previste dalla normativa. Vogliamo però conoscere a quale singola categoria i richiedenti utilizzazione appartengono, per stabilire se hanno diritto a ottenere l’utilizzazione immediatamente oppure solamente dopo aver accantonato un posto per ogni docente specializzato presente nelle graduatorie supplenze.

2) I docenti specializzati di ruolo su classe di concorso, in caso di richiesta di assegnazione provvisoria, devono essere accontentati in via prioritaria su classe di concorso e, solo se non sono disponibili posti sulla propria classe di concorso, possono essere destinatari di assegnazioni provvisorie su posti di sostegno.

3) I docenti che chiedono assegnazione provvisoria non possono in alcun caso ricevere assegnazioni provvisorie in comuni non richiesti nella domanda.

4) I posti di sostegno in deroga che devono ancora arrivare in provincia di Cosenza non possono andare ad assegnazioni provvisorie, poiché non sono stati richiesti entro il 31 agosto. Si fa presente che se fossero stati chiesti in maniera regolare entro il 31 agosto, essi sarebbero già stati autorizzati come sono stati autorizzati tutti gli altri. Quei nuovi posti dovranno necessariamente andare come incarichi annuali ai docenti precari. Poiché si vocifera insistentemente che presto saranno autorizzati soltanto 87 ulteriori posti di sostegno in deroga nella scuola secondaria di secondo grado per studenti con rapporto 1:1, si chiede se questa voce sia fondata o infondata. Qualora fosse fondata, si chiede quando verranno autorizzati gli altri posti chiesti per studenti con rapporto 1:1, nonché quando arriveranno gli ulteriori posti di sostegno in deroga per gli studenti con rapporto diverso da 1:1, che finalmente potranno riprendere dopo tanto tempo con la didattica in presenza ma rischiano di rimanere provvisoriamente senza docente di sostegno.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares