X
<
>

Sandra Savaglio durante un'iniziativa all'Unical

Condividi:

COSENZA – «Nepotismo e parentopoli hanno penalizzato le Università italiane perché hanno causato tagli massicci, con grandi danni ai giovani». Sono le parole di Sandra Savaglio, astrofisica calabrese di fama internazionale, intervenuta questa mattina al Festival delle Generazioni promosso dal sindacato Fnp Cisl.

Secondo Savaglio, «le nuove generazioni subiscono le conseguenze delle scelte fatte negli anni Settanta e Ottanta, scelte che davano privilegi alle persone che all’epoca erano giovani». Savaglio, riferisce una nota, è stata una dei tanti cervelli in fuga dall’Italia, oggi però è rientrata in Italia, ed esattamente all’Università della Calabria (LEGGI).

Sul tema dei cervelli in fuga dice: «E’ pieno di italiani che popolano gli istituti stranieri, ma questo è un danno di immagine tremendo per il nostro Paese, negli istituti stranieri le persone si chiedono perché l’Italia manda via studenti così qualificati».

E poi un consiglio ai giovani: «Ai giovani non dico né di lasciare l’Italia né di rimanerci, dico soltanto che l’unico modo per avere successo è seguire i propri sogni, questa è la condizione necessaria per il successo».

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA