X
<
>

Emilio Siciliano

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Ha vent’anni, proviene da Cosenza, dove ha svolto gli studi di scuola superiore, e frequenta la facoltà di Economia e finanza della Bocconi di Milano. Si tratta di Emilio Siciliano, il giovane che proprio oggi è in partenza per Dubai, dove parteciperà all’Expo 2020 in qualità di peer mentor.

Selezionato dal Commissariato generale di sezione per la partecipazione italiana all’evento, a seguito di iscrizione al relativo bando, Siciliano, una volta giunto negli Emirati Arabi, verrà coinvolto in diverse azioni, le quali spaziano dalle attività di formazione su metodologie e format innovativi di peer-mentoring (necessari per la conduzione di iniziative culturali e formative) fino a quelle di raccordo con tutte le funzioni del Commissariato per l’ideazione e la produzione contenutistica del materiale di storytelling sulla partecipazione dei visitatori e degli ospiti del Padiglione Italia ai progetti e agli eventi a carattere culturale e formativo; attività, dunque, in grado di evidenziare il valore generato dal modello di coinvolgimento delle persone, di sottolineare i valori di fondo, di ricostruire i processi, le storie, le comunità, le esperienze più innovative, di illustrare i vantaggi, gli effetti e le ricadute della partecipazione italiana a Expo 2020 Dubai.

«Sono molto entusiasta di fare quest’esperienza importante», racconta il giovane studente a questo giornale poche ore prima della partenza. «Quest’anno l’Expo sarà assai partecipato – prosegue Siciliano – e, pertanto, rappresenterà un palcoscenico incredibile, contrassegnato da un intenso lavoro sinergico, ma anche e soprattutto dal desiderio di essere parte di un tutto: sono orgoglioso di rappresentare il mio Paese».

Tra le altre attività che Siciliano si troverà a svolgere si contano pure le seguenti: attività di raccordo della rete dei partecipanti al Programma e di moderazione interna, anche per una più efficace azione di community building e condivisione di buone pratiche; attività di supporto all’amministrazione del Commissariato generale; attività per favorire il raccordo con le comunità di giovani, operanti in ambito civico, sociale, culturale, educativo e formativo, e aventi scopi analoghi al tema dell’evento.

«Sono certo – dichiara Emilio Siciliano – che l’Expo 2020 mi consentirà di coniugare studio e lavoro a quello che è il capitale umano e valoriale che non bisogna perdere di vista. Un giorno – conclude – spero di poter mettere tutto ciò anche al servizio della mia terra».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA