X
<
>

La premiazione dei cosplayer

Tempo di lettura 2 Minuti

Dalle tavole d’autore ai cosplayer, davvero tante le curiosità per gli appassionati e non solo

COSENZA – Si è conclusa ieri, dopo tre intensissime giornate, l’undicesima edizione delle Strade del Paesaggio, il festival del fumetto organizzato da Custler Cooperativa e Provincia di Cosenza, col Patrocino del Comune di Cosenza.

Facile tracciare un bilancio dell’evento: Cosenza è ormai più che una candidata al ruolo di capitale del Sud del fumetto. Insieme a Napoli, Bari, Palermo e Catania e grazie al duro lavoro che in oltre dieci anni è stato portato avanti, la Città dei Bruzi rappresenta una realtà concreta, che parla il linguaggio fumetto con voce sicura e autorevole. E non solo il linguaggio fumetto. La scelta del festival è stata, pur rispettando la sua natura di appuntamento dedicato al fumetto d’autore, quella di declinare la cultura pop, nel senso di popolare, in tutte le sue diramazioni, dedicando grande attenzione quindi non solo al fumetto, ma anche alle nuove tecnologie, ai Larp, ai giochi di ruolo e ai videogames. Questo ha permesso a migliaia di appassionati di vivere i propri sogni e di realizzare le proprie fantasie, fossero esse quelle di incontrare il proprio autore preferito, portare a casa un disegno del personaggio amato o incontrarlo per strada grazie ai simpaticissimi cosplayer, oppure di confrontarsi in appassionanti sfide a suon di lanci di dadi o di combinazioni di pulsanti da digitare.

GUARDA IL FASCICOLO IN AGGIORNAMENTO DINAMICO
CON NOTIZIE FOTO E VIDEO DELL’EDIZIONE 2017
DEL FESTIVAL DEL FUMETTO

Tanti i libri e i volumi presentati, le tavole ammirate dai visitatori, intensi ed interessanti gli incontri che hanno permesso anche a chi al fumetto si avvicina per la prima volta di approfondire la materia, scoprendo infinite sfaccettature che un’arte piena di contaminazioni a volte nasconde. Ora non resta che darsi appuntamento all’anno prossimo, con una nuova sfida, cioè portare il livello già altissimo offerto dal festival oltre i suoi stessi limiti, crescendo in tutti i settori in modo tale che la fiera possa varcare i confini nazionali, come già avviene per realtà italiane come il Napoli Comicon e Lucca Comics and Games, che garantiscono nei giorni delle manifestazioni un flusso di turisti davvero imponente.

Tra gli ospiti intervenuti anche Marco Soldi, copertinista di Julia (VIDEO – L’INTERVISTA). Il fumetto quindi si propone anche come una forma di investimento non solo culturale e sociale, ma anche come turistico come la città di Cosenza e gli organizzatori delle Strade del Paesaggio hanno saputo cogliere. Appuntamento all’anno prossimo dunque, ancora una volta nel segno del fumetto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares