X
<
>

Papa Francesco

Tempo di lettura 3 Minuti

MONTALTO UFFUGO (COSENZA) – «Ho provato tristezza per avere preso il covid», ma anche «felicità perché finalmente potevo riabbracciare la mia mamma». E’ la toccante  testimonianza di una ragazzina di dieci anni, F.D.E., frequentante la classe 4B dell’Istituto Comprensivo di Montalto, che il 4 agosto sarà ricevuta in udienza dal Santo Padre, in Vaticano, dove si recherà assieme alla dirigente scolastica Teresa Mancini, alle insegnanti ed ai bambini delle classi 4A e 4B del plesso “Centro”.

Una testimonianza forte e commovente, quella che la bimba ha riportato in un tema estrapolato dal libro di testo “In volo come farfalle”. E’ il racconto di un dramma vissuto in prima persona, insieme ai suoi familiari, rappresentato dal dolore, dalle ansie, dalle difficoltà che questo virus porta con sé.

Il disegno della bambina inviato al Papa

“La prima ad essere risultata positiva è stata la mia mamma – si legge nel tema – e per me, mio padre, mio fratello, soprattutto per lei è iniziato un periodo molto brutto. Per vederci – racconta la piccola – facevamo le videochiamate perché lei era chiusa in una stanza e non potevamo avere contatti, niente abbracci, niente baci della buonanotte, ci accontentavamo di darcelo per telefono. Alcune volte lei si affacciava dal balcone e noi uscivamo fuori per vederla. Sono stati giorni duri, tristi e difficili, poi anche noi abbiamo fatto il tampone ed io sono risultata positiva”, ha raccontato la ragazzina, rispondendo alla traccia: “Come agli Apostoli che hanno testimoniato Gesù, nonostante il timore di essere arrestati, anche tu hai mai provato l’esperienza della paura e poi del coraggio di esprimerti? In quale occasione?”.

Leggere le sue parole ha “toccato il cuore” delle maestre Emanuela Bruno (Religione) e Marina Prete (Italiano), che hanno avuto modo di “conoscere da ancora più vicino il dramma che l’umanità sta vivendo”. Da qui, acquisiti lavori e preghiere rivolti dai bambini a Gesù, l’idea maturata durante l’ora di compresenza delle insegnanti di religione e italiano di rivolgere un cordiale invito a Papa Francesco: “Quale cosa più bella di fare ascoltare e vedere” video, testi e poesie “a chi, in mezzo a noi”, rappresenta Gesù “con tanta semplicità e umiltà?”.

Ecco, il Santo Padre, quel Papa che ha “fatto breccia nei cuori di grandi e piccini” con “i suoi modi così vicini a noi e con un linguaggio alla portata di tutti che arriva dritto al cuore”. Ed il Papa ha subito risposto all’appello, confermando la partecipazione all’Udienza Generale di mercoledì 4 agosto (cortile San Damaso). Quel giorno, alle ore 7.30, la preside Mancini, i bimbi, le maestre Bruno e Prete, assieme a tutto il team docenti che ha approvato e sostenuto l’iniziativa, varcheranno assieme il portone di Bronzo del Palazzo Apostolico di Piazza San Pietro per portare importanti testimonianze direttamente dal paese della Beata Elena Aiello e del Beato Don Gaetano Mauro, Montalto Uffugo, nota anche per avere ispirato Ruggiero Leoncavallo a comporre la famosa opera “Pagliacci”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA