X
<
>

Il direttore artistico Filippo Arlia

Tempo di lettura 2 Minuti

CETRARO (COSENZA) – Parte stasera e durerà sino al 10 settembre la seconda edizione Fortissimo Classica Festival. A ospitare la kermesse sarà lo storico borgo calabrese di Cetraro (Cosenza) presso la Colonia San Benedetto. Cuore, anima e cervello della manifestazione sarà il maestro Filippo Arlia, alla direzione dell’evento organizzato dal Conservatorio Tchaikovsky con il patrocinio del comune di Cetraro.

«Quest’anno la seconda edizione di Fortissimo è totalmente dedicata all’inclusione dei generi: musica classica, jazz, pop e tradizionale insieme nello stesso Festival senza alcuna barriera culturale – ha spiegato Arlia- Un cartellone ricco di artisti di fama internazionale, e uno spettacolo che ospiterà il Coro dei migranti con le loro tradizionali musiche africane: la contaminazione della musica e delle arti può essere il migliore antidoto contro il razzismo e l’esclusione sociale».

Si comincia questa sera alle 21 con il compositore e organettista Riccardo Tesi e l’Orchestra popolare del Mediterraneo, che proporranno brani del repertorio della world music. Domani sarà la volta di Valentina Gullace Quartet con “La mia stanza segreta live”: un progetto che è la fotografia di un percorso di ricerca musicale eclettico e variegato. Il 4 settembre alle 20 andrà in scena il Galà lirico con la soprano Elena Lo Forte e il tenore Gianni Leccese, accompagnati al pianoforte da Nico Fuscaldo. La stessa sera, alle 21.30, Mirco Patarini alla fisarmonica classica e Simone Zanchini a quella jazz proporranno un concerto con il Quintetto d’archi dell’Orchestra filarmonica della Calabria. Nella serata seguente ecco Lello Analfino & Tinturia, gruppo musicale siciliano dal genere musicale da loro etichettato come sbrong. I due si esibiranno in una fusione eterogenea di pop, rock, folk, ska, funk, rap e reggae.

“Il Jazz e la Chitarra” sarà la performance musicale di Stochelo Rosenberg & Salvatore Russo gipsy jazz trio, in programma il 7 settembre. Rosenberg è il più grande esponente mondiale del jazz manouche, in Italia collabora da più di dieci anni con il grande chitarrista Salvatore Russo. L’8 settembre toccherà al violinista di fama internazionale Dino Di Palma che verrà accompagnato dalla musica della pianista Claudia D’Ippolito. Il 9 settembre in scena Luigi Morleo & Friends con “Voci e suoni interculturali”, parte del progetto Migranti 2.0 che vuole essere una strategia musicale che si avvale di un coro formato da giovani ragazzi di diverse culture.

Nella serata conclusiva ci sarà una madrina d’eccezione: Marisa Laurito, pronta a entusiasmare il pubblico con la sua inossidabile verve, passione e contagiosa energia. Alle 21 toccherà, poi, al cantautore siciliano Mario Venuti che si esibirà con chitarra acustica e voce, creando un’atmosfera dalle mille sfumature di singolare musicalità e raffinatezza poetica. Sempre il 10 settembre verranno proposti anche alcuni brani con il Quartetto d’archi dell’Orchestra Filarmonica della Calabria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares