X
<
>

Lo storico teatro Morelli di Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – E’ scaduto il contratto di gestione che il Comune di Cosenza aveva sottoscritto con la famiglia  Morelli, proprietaria della struttura.

Il rinnovo non è arrivato e così si è interrotto un rapporto  che era iniziato nei primi anni del Duemila. Un rapporto che aveva portato al compimento di  importanti lavori di restauro che avevano restituito alla città questo storico teatro da circa  600 posti.

La riapertura è datata 5 novembre 2008. Dal 2013 era stato utilizzato come  residenza dalla compagnia Scena Verticale, capace di portare al Morelli il meglio del teatro  contemporaneo italiano.  Il teatro Morelli, già Politeama negli anni ‘30, era stato semidistrutto dai bombardamenti della  Seconda Guerra Mondiale e poi riaperto negli anni ‘40, per volontà della famiglia Morelli.

A metà  degli anni ’90, e dopo aver ospitato il Consorzio teatrale calabrese che vi aveva avviato il suo  laboratorio, fu costretto alla chiusura.  Come scritto nella storia pubblicata sul suo sito, restano impresse nella storia dei cosentini serate  divenute leggenda, come quando Gianni Morandi, all’epoca quindicenne, si esibì per la prima  volta a Cosenza o, per  contro, la pessima accoglienza riservata a  Mal dei  Primitives,  che su quel palcoscenico fu bersaglio di un tiro di ortaggi.  

Non resta che attendere quelle che saranno le decisioni della famiglia Morelli sul futuro di questo  teatro, nella speranza che continuerà il suo legame con la città.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA