Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

TALENTI calabresi a raccolta, tutti pronti a mettersi in mostra in televisione. Il 9 settembre, a Cosenza, partiranno i casting per partecipare al programma di Italia 1 “Cultura moderna”, che torna dopo dieci anni con qualche novità e la riconferma alla conduzione di Teo Mammucari.

Tre minuti di gloria per dimostrare all’Italia il proprio talento, ballando, cantando, raccontando barzellette o suonando. Ma non c’è limite alla fantasia e all’estro. Così come non c’è limite all’età, dai 18 anni in su.  Un’esibizione che permetterà di accumulare punti per poter fare utili domande prima di poter provare a indovinare il “personaggio misterioso” che consentirà di vincere un premio in gettoni d’oro.

Per farlo, però, si potranno porre domande alle quali, da una cabina chiusa, l’ospite vip potrà rispondere attraverso un bigliettino con solo con un “sì” o un “no”. Questa era la formula semplice, divertente, veloce del programma della stagione 2006, affidato principalmente alle abilità da mattatore di Mammucari. Vedremo se nell’edizione 2016 di Cultura moderna saranno inseriti elementi di novità nel meccanismo del gioco.

Quel che è sicuro è che la produzione ha già dato il via alla ricerca di moderni talenti. Chi volesse partecipare al casting, dovrà andare sul sito www.sdl.tv e compilare il modulo on line, per poi presentarsi ila mattina del 9 settembre al teatro dell’Acquario di Cosenza. La trasmissione, che sarà in programmazione in autunno su Italia 1, è stata la prima a proporre una miscela divertente, a metà tra il talent “mordi e fuggi” e il quiz.

All’interno del programma, ideato da Antonio Ricci, affiancavano il conduttore la figura del Gabibbo, pupazzo simbolo di Striscia la notizia e la valletta Juliana Moreira. Nessuna indiscrezione su chi sarà la nuova compagna di avventure di Teo, ma difficilmente potrà essere la bella showgirl brasiliana, che sta per diventare mamma per la seconda volta. Piccolo aneddoto: anche la sigla della trasmissione “Ci vuole cultura”, orecchiabile e scanzonata, divenne un cult e portò fortuna alla cantante Corinne Marchini.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •