La premiazione di Tocci a Cosenza

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Lunedì mattina il campione di tuffi Giovanni Tocci sarà ospite della redazione del Quotidiano del Sud, per raccontare la sua carriera e i suoi successi che lo stanno portando sempre più in alto nella sua disciplina. Potete inviare le vostre domande al campione cosentino all’indirizzo mail: sport.calabria@quotidianodelsud.it

Dopo la vittoria a Cosenza (LEGGI E GUARDA I VIDEO), Tocci ha raccontato al Quotidiano alcuni momenti salienti della sua carriera, a partire dal suo rapporto con l’acqua: «Il primo contatto con l’acqua è avvenuto all’età di quattro anni – ha detto – naturalmente in mare. Ero un ragazzino davvero spericolato, raggiunta la spiaggia non esitavo a tuffarmi tra le onde, nonostante non sapessi nuotare. I miei genitori spaventati dal mio rapporto con l’acqua decisero di iscrivermi in piscina, nella nostra struttura comunale di Campagnano, affinché potessi imparare a nuotare così da potermi destreggiare meglio tra le onde del mio “amato mare”. Il mare non mi intimorisce per nulla, anzi, amo praticare la pesca subacquea e spesso quando mi immergo, lo faccio al buio, senza nemmeno guardare il fondo. L’unica cosa che mi spaventa è tuffarmi dagli scogli, è molto pericoloso, e ho paura di scivolare e farmi male. In ogni caso – ha proseguito – dopo due anni di nuoto, all’età di 6 anni ho deciso di avvicinarmi ai tuffi, spinto dalla curiosità. Il settore tuffi a Cosenza aveva appena iniziato le sue attività ed ero molto incuriosito dai ragazzini che si allenavano di fianco a noi del nuoto. Così, spinto dal mio ex istruttore Gaetano Aceti, ho deciso di provare a tuffarmi dal trampolino e da lì è iniziato il mio amore. A 8 anni ho iniziato a competere nelle prime gare nazionali».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •