X
<
>

Sciaudone e Di Tacchio durante la partita Cosenza-Salernitana dello scorso 29 novembre

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Il Giudice Sportivo, Emilio Battaglia, in relazione alla partita Cosenza-Salernitana, del 29 novembre (9/a giornata di Serie B), ha respinto il ricorso della società silana, omologando lo 0-1 maturato sul campo.

Il Cosenza lamentava un errore tecnico dell’arbitro Dionisi e del quarto uomo, sulla prima ammonizione inflitta al calciatore Ba e sulla irregolarità nella disputa della partita, perché «il direttore di gara, accortosi che il giocatore Bruccini era rimasto sul terreno di gioco, nonostante fosse stato autorizzato il cambio del giocatore Ba al suo posto, abbia deciso di ammonire proprio quest’ultimo» (LEGGI).

L’arbitro, nel proprio rapporto, ha spiegato che «al minuto 30’59” del secondo tempo interrompevo il gioco, perché mi rendevo conto che il Cosenza aveva sul terreno di gioco 12 calciatori (il Cosenza ha giocato con 12 calciatori per 24″ e il calciatore che non aveva diritto a partecipare al gioco era il n. 17 Ba Abou Malal, ndr) e il calciatore Ba Abou Malal veniva ammonito al 32′ st, perché faceva ingresso nel terreno di gioco senza la mia autorizzazione».

Il giudice sportivo, si legge nel comunicato «ha ritenuto che, dalla documentazione acquisita, non emerge alcun errore tecnico da parte dell’arbitro, pertanto dichiara inammissibile, e comunque respinge nel merito, il ricorso presentato dal Cosenza, omologando il risultato della partita Cosenza-Salernitana con il punteggio di 0-1».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares