X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

La Regione Calabria ha pubblicato il bollettino regionale sulla diffusione della pandemia da coronavirus Covid-19 nel territorio regionale. Si tratta del documento ufficiale con cui la Regione diffonde le informazioni sui nuovi contagi nel territorio e, in teoria, è la fonte univoca e primaria cui attingere per avere informazioni chiare e precise su quanto sta accadendo.

Peccato che da qualche tempo le informazioni sono tutte tranne che chiare e precise.

In più occasioni abbiamo scritto di come i dati diffusi tramite il bollettino regionale (specie da quando non venivano più emessi i report d’accompagnamento) fossero difformi rispetto a quelli diffusi nell’ambito del riepilogo nazionale predisposto da Protezione Civile e Ministero.

Rispetto a questa situazione si registra oggi una novità: la Regione Calabria ha ripreso a diffondere i report di accompagnamento al bollettino regionale. Ma dall’analisi del report riemergono tutte le perplessità già denunciate in passato perché confrontandone il contenuto con quanto riportato sul bollettino i conti non tornano.

Ciò che è certo è che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1.557 tamponi da cui è emerso che ci sono 22 nuovi casi di contagio in Calabria di cui 17 migranti (LEGGI DEL CASO ECLATANTE DI COSENZA CON 16 NUOVI POSITIVI) 2 soggetti provenienti da fuori regione e 3 locali.

Ad oggi sono state sottoposte a tampone 155.296 persone per un totale di 157.402 tamponi effettuati con un aumento nelle ultime 24 ore pari, come detto, a 1.557 nuovi test.

Con questi 22 nuovi contagi le persone risultate positive al Coronavirus in Calabria dall’inizio della pandemia sono diventate 1.513 mentre sugli attualmente infetti giungono i primi dubbi per bisognerebbe chiarire se sono 266 (secondo il bollettino nazionale e il report d’accompagnamento) o 301 secondo il riepilogo del bollettino regionale (elemento questo su cui è sempre più urgente un chiarimento della Regione Calabria).

Inoltre, territorialmente, secondo il bollettino regionale, questa la ripartizione dei casi positivi (in alcuni casi, ancora una volta, i dati non coincidono):

  • Catanzaro: 9 persone ricoverate in reparto (di cui 5 non residenti), 8 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti per un totale di 236 persone che hanno contratto il virus. Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture provincie che nel tempo sono stati dimessi secondo il report di accompagnamento al bollettino regionale i casi della provincia di Catanzaro sono 228.
  • Cosenza: 9 in reparto (di cui 4 non residenti); 42 in isolamento domiciliare; 446 guariti; 34 deceduti per un totale di 531 persone che hanno contratto il virus. Il report, tuttavia riporta un totale di 528.
  • Reggio Calabria: 3 in reparto; 81 in isolamento domiciliare; 285 guariti; 19 deceduti per un totale di 388 persone che hanno contratto il virus (in questo caso il dato corrisponde tra report e bollettino).
  • Crotone: 1 in reparto; 10 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti per un totale di 133 persone che hanno contratto il virus (come per Reggio Calabria anche per Crotone il dato corrisponde).
  • Vibo Valentia: 8 in isolamento domiciliare; 82 guariti; 5 deceduti per un totale di 95 persone che hanno contratto il virus. (Secondo il report il totale sarebbe di 96)
  • Altra Regione o Stato Estero130 (secondo il report 140).

Nei ricoveri segnalati presso l’Ospedale di Catanzaro 3 sono ricoverati in malattie infettive, due provengono dalla Provincia di Vibo Valentia (di cui una è ricoverata in malattie infettive successivamente al parto cesareo), uno è di fuori Regione (nel conteggio si trova nel setting Fuori Regione/ Stato Estero).

Nel dettaglio, il bollettino della Regione Calabria precisa che «a Cosenza sono stati intercettati venti casi. Di questi, sedici sono riconducibili al centro di accoglienza per migranti di Rende, due sono riconducibili a focolai già noti», mentre «il caso rilevato oggi dal Laboratorio di Lamezia Terme, basso viremico, è riconducibile al focolaio generato dalla Sardegna» e «il paziente rilevato dall’AO di Catanzaro è riconducibile al CARA di Crotone».

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 2.755.

Per sciogliere ogni dubbio sarebbe opportuno che la Regione Calabria facesse, una volta per tutte, chiarezza sullo stato del contagio. Pubblicando un report dettagliato che, oltre a dare il totale ufficiale in modo inequivoco di coloro che sono in Calabria e che sono attualmente positivi al Covid, fornisca anche i dati del contagio per ciascun comune della Regione in modo da avere una mappa reale della diffusione del virus sul territorio nel momento attuale e nel corso dei mesi trascorsi dall’inizio della pandemia. Serve chiarezza.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares