Salta al contenuto principale

A Parenti si corre sui carri
come su bolidi di formula uno

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 44 secondi
PARENTI - Si sono chiuse ieri le iscrizioni per la ventiduesima Gara del Carro che si svolgerà domenica 11 agosto alle ore 16 lungo il percorso del paesino presilano. Da ormai 22 anni sul circuito cittadino si svolge la tradizionale manifestazione, evento che ormai gli organizzatori stanno promuovendo anche in altri paesi limitrofi, e con altre associazioni della nostra Regione.
Ogni carro (composto da una tavola e da tre cuscinetti) guidato da pilota e navigatore, nel corso degli anni si è trasformato in un vero e proprio modellino in miniatura della Formula 1. Una passione che, per molti, si è tramutata in un piccolo sogno realizzato grazie a questa Gara.
Alla ventiduesima edizione parteciperanno ben 98 persone suddivise in 49 equipaggi: 29 per la categoria riservata ai maggiorenni, 11 per la categoria 15-17 anni, 9 per la categoria 9-14 anni. (la lista dei piloti maggiorenni la trovata nel box in alto, ndr).
Il paese si trasforma in un vero e proprio palio e viene suddiviso in sei grandi rioni, ognuno identificato con il nome delle pedine della scacchiera al quale è associato un colore: Re (Verde) , Torre (Giallo), Alfiere (Rosso), Regina (Blu), Cavallo (Arancio), Pedone (Nero), a queste si va ad aggiungere il colore bianco per gli “ospiti” non residenti a Parenti e  che partecipano alla gara.
I preparativi sono già iniziati da alcuni mesi e per ogni “carrista” vige il massimo riserbo sulle tecniche utilizzate per la costruzione e messa a punto del proprio bolide.
La XXI edizione ha visto trionfare il rione verde del Re con il pilota Francesco Venneri e il suo navigatore Andrea Grandinetti. 
L’appuntamento è fissato, quindi, per domenica 11 agosto, a partire dalle 16:30 sul circuito cittadino di Parenti 
È prevista la partecipazione di una grande moltitudine di gente proveniente dai paesi vicini per quello che ormai è l’evento unico dell’anno, il primo in assoluto, che va avanti da  dal 1992, quando per gioco si riscoprì il vecchio carro utilizzato dai nostri nonni come mezzo di trasporto di legna e dai bambini dell’epoca come divertimento. Le tifoserie stanno fremendo, tra i partecipanti cresce l’adrenalina, e già c’è chi scommette a chi vincerà. 

PARENTI - Si sono chiuse ieri le iscrizioni per la ventiduesima Gara del Carro che si svolgerà domenica 11 agosto alle ore 16 lungo il percorso del paesino presilano. Da ormai 22 anni sul circuito cittadino si svolge la tradizionale manifestazione, evento che ormai gli organizzatori stanno promuovendo anche in altri paesi limitrofi, e con altre associazioni della nostra Regione. Ogni carro (composto da una tavola e da tre cuscinetti) guidato da pilota e navigatore, nel corso degli anni si è trasformato in un vero e proprio modellino in miniatura della Formula 1. 

Una passione che, per molti, si è tramutata in un piccolo sogno realizzato grazie a questa gara. Alla ventiduesima edizione parteciperanno ben 98 persone suddivise in 49 equipaggi: 29 per la categoria riservata ai maggiorenni, 11 per la categoria 15-17 anni, 9 per la categoria 9-14 anni. Il paese si trasforma in un vero e proprio palio e viene suddiviso in sei grandi rioni, ognuno identificato con il nome delle pedine della scacchiera al quale è associato un colore: Re (Verde), Torre (Giallo), Alfiere (Rosso), Regina (Blu), Cavallo (Arancio), Pedone (Nero), a queste si va ad aggiungere il colore bianco per gli “ospiti” non residenti a Parenti e  che partecipano alla gara.I preparativi sono già iniziati da alcuni mesi e per ogni “carrista” vige il massimo riserbo sulle tecniche utilizzate per la costruzione e messa a punto del proprio bolide.

La XXI edizione ha visto trionfare il rione verde del Re con il pilota Francesco Venneri e il suo navigatore Andrea Grandinetti. L’appuntamento è fissato, quindi, per domenica 11 agosto, a partire dalle 16:30 sul circuito cittadino di Parenti È prevista la partecipazione di una grande moltitudine di gente proveniente dai paesi vicini per quello che ormai è l’evento unico dell’anno, il primo in assoluto, che va avanti da  dal 1992, quando per gioco si riscoprì il vecchio carro utilizzato dai nostri nonni come mezzo di trasporto di legna e dai bambini dell’epoca come divertimento. Le tifoserie stanno fremendo, tra i partecipanti cresce l’adrenalina, e già c’è chi scommette a chi vincerà. 

 

TUTTI GLI APPUNTAMENTI DELL'ESTATE CALABRESE SULL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO AQCUISTABILE ONLINE O IN EDICOLA

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?