Salta al contenuto principale

Spaccio di droga, decine di arresti nel Cosentino
Tra gli arrestati il cognato del boss Nicola Acri

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

COSENZA - Una operazione messa a punto dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza con l'obiettivo di sgominare una struttura dedita allo spaccio di droga estremamente ramificata nel cosentino. I militari hanno eseguendo 24 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del tribunale di Castrovillari per spaccio di sostanze stupefacenti. Sono undici le persone finite in carcere, altre otto persone sono ai domiciliari. Eseguiti inoltre tre provvedimenti di obbligo di dimora e due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. Smantellata un’articolata e capillare rete di persone vicine agli ambienti criminali e dediti allo spaccio di stupefacenti nel capoluogo cosentino e in tutta la sibaritide. Fulcro del traffico era la città di Rossano. Nel corso delle indagini, avviate a seguito della morte di un giovane per overdose, sono stati sequestrati importanti quantitativi di eroina. Tra gli arrestati c'è anche il cognato del presunto boss di Rossano Nicola Acri, catturato dopo una lunga latitanza nel novembre del 2011. Gli indagati sono accusati di far parte di un’organizzazione dedita alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, rapina a mano armata, estorsione, furto e ricettazione. 

Le indagini sono partite dalla morte per overdose di un giovane, nel mese di ottobre del 2011, e dalle attività investigative svolte sul tentato omicidio di Antonio Manzi e del figlio Francesco, avvenuto nel luglio del 2011.Impegnati circa 120 militari, supportati da uomini dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, unità cinofile e un velivolo del Nucleo elicotteri di Vibo Valentia. Si stanno eseguendo anche numerose perquisizioni. In passato erano state arrestate 8 persone, come risultato delle investigazioni già avviate dalla soppressa procura di Rossano (CS) e poi proseguite da quella di Castrovillari. I particolari dell’operazione dei carabinieri, denominata "Carambola", saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che sarà al Comando Provinciale dei carabinieri di Cosenza alle 11.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?