Salta al contenuto principale

Controlli per la tutela di animali
Denunce e interventi nel Cosentino

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

COSENZA - In occasione del 4 ottobre, giorno di San Francesco d’Assisi e da dodici anni anche "Giornata mondiale degli animali", il Comando provinciale dei carabinieri di Cosenza ha disposto, in tutta la provincia, una serie di controlli, eseguiti sullo stato sanitario dei canili e dei rifugi e sui locali e le attrezzature utilizzate per l'attività di commercio, allevamento, addestramento e custodia degli animali domestici. Ispezionati 5 canili/rifugi e 15 negozi per la vendita di animali. 

A Cosenza, eseguito un intervento sanitario veterinario su un cane con problemi di deambulazione, mentre a Carolei alcuni cani randagi, trovati in un’area privata aperta, in evidente stato di malnutrizione e di abbandono, su disposizione del dirigente del Servizio veterinario dell’Asp di Cosenza, sono stati ricoverati in una struttura veterinaria idonea. Inoltre è stata rinvenuta una carcassa di un cane in avanzato stato di decomposizione, per cui è stata attivata l’Amministrazione comunale per relative incombenze. Ancora, a Cosenza, sanzionato per 260 euro un privato cittadino, per la mancata iscrizione all’anagrafe canina. 

A Malvito, denunciate due persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di furto, ricettazione ed acquisto di cose di sospetta provenienza, nell’ambito delle attività espletate a seguito del furto di un cane pastore tedesco, avvenuto il 18 settembre scorso. Il cane è stato ritrovato ad Acquaformosa e restituito al legittimo proprietario, il quale si è anche formalmente complimentato con i militari, scrivendo una toccante lettera. A Cerchiara di Calabria, i carabinieri hanno ritrovato un altro pastore tedesco, che era fuggito da un canile. 

A Lungro, denunciato un uomo che aveva rubato sempre un pastore tedesco, anche questo riconsegnato al legittimo proprietario. A Corigliano Calabro, sorpresi due cani, un rottweiler e un alano, privi del prescritto microchip, tenuti all’aperto con una corda della lunghezza di circa due metri, senza cuccia o copertura. I proprietari sono stati denunciati per maltrattamento di animali. Infine, a Mangone, ad alcuni proprietari di cani sono state inflitte tre sanzioni amministrative di 260 euro per mancata iscrizione all’anagrafe canina ed una per mancata protezione degli animali durante il trasporto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?