Salta al contenuto principale

Due consulenti per le verifiche sul viadotto crollato
Procura non sblocca l'autostrada: resta il sequestro

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 11 secondi

CASTROVILLARI (CS) - La Procura della Repubblica di Castrovillari ha individuato due consulenti che dovranno effettuare i controlli e le verifiche sul viadotto "Italia" dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria dove è crollata una campata provocando la morte di un operaio che stava effettuando i lavori (LEGGI LA NOTIZIA DEL CROLLO).

LE IMMAGINI DEL CANTIERE DOVE E' AVVENUTO IL CROLLO

In breve tempo la Procura affiderà l’incarico ai due consulenti che successivamente effettueranno un primo sopralluogo per poi procedere alle verifiche della struttura. Gli accertamenti sono finalizzati a verificare la stabilità della struttura dell’intero viadotto. La Procura, infatti, sta studiando i quesiti da affidare ai due consulenti considerato che la situazione viene ritenuta «molto delicata».

Al momento, secondo gli inquirenti, manca la «certezza della sicurezza della struttura» e per questo motivo la Procura rigetterà la richiesta di dissequestro del viadotto. Al momento la Procura ha aperto un fascicolo d’inchiesta per il reato di omicidio colposo per quanto riguarda la morte dell’operaio e per crollo colposo di costruzioni per la situazione relativa alla struttura del viadotto. 

Dopo il crollo sono stati molti ad evidenziare che erano state presentate varie denunce sulla sicurezza dell'aria, ma erano rimaste tutte inascoltate (LEGGI), mentre la chiusura sta creando notevoli problemi all'economia di Calabria e Sicilia (LEGGI)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?