Salta al contenuto principale

Chiedono il pizzo a un imprenditore di Cosenza
I carabinieri arrestano due commercianti

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

COSENZA - Due persone sono state fermate dai carabinieri a Cosenza per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Si tratta di Francesco Costantino De Luca, di 44 anni, e Massimo Ciancio (44), entrambi commercianti di Rende. Il provvedimento di fermo è stato emesso dalla Dda di Catanzaro. I due fermati, ritenuti dagli investigatori contigui alla cosca di 'ndrangheta Lanzino-Ruà, hanno minacciato un imprenditore edile al quale avevano chiesto il pagamento di una somma di denaro.

Le indagini che hanno portato al fermo di De Luca e Ciancio sono state condotte dai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rende.

I due fermi sono stati disposti dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro che da tempo ha incrementato l’attività investigativa finalizzata a contrastare gli atti intimidatori ai danni di imprenditori con le successive richieste di estorsione. L’imprenditore edile di Rende vittima della tentata estorsione, secondo gli investigatori, è stato raggiunto da De Luca e Ciancio nel cantiere dove stava realizzando alcune abitazioni. All’uomo è stato chiesto il pagamento di una somma di denaro finalizzata a "mettersi a posto". 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?