Salta al contenuto principale

Acri, preoccupazione per i servizi sanitari
Il Poliambulatorio è a rischio ridimensionamento

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

ACRI – Nel consiglio comunale che ha sancito la permanenza di Cosimo Fabbricatore alla carica di presidente dell’assise, il capogruppo consiliare del Pd, Pino Capalbo, ha lanciato l’allarme - l’ennesimo - su ulteriori interventi di depotenziamento dei servizi sanitari sul territorio. Capalbo, che è anche consigliere provinciale, lo ha fatto a inizio seduta, rivolgendo una interrogazione orale al sindaco Nicola Tenuta. Il consigliere comunale del Pd ha ricordato come «sia in atto un depotenziamento del servizio di Fisioterapia presso il poliambulatorio di Acri, poiché non rientra più nei Livelli elementari di assistenza». La preoccupazione è che «vada ulteriormente avanti questo processo di depauperamento del distretto sanitario». Infatti, «non ci sono più Diabetologia e Cardiologia e l’ecografo è fuori uso da tempo». Capalbo ha inoltre ricordato come altrove, «come nel distretto sanitario Esaro – Pollino, siano stati fatti degli investimenti in apparecchiature in grado di garantire determinati servizi sanitari sul territorio, mentre nel nostro distretto assistiamo a un continuo depauperamento». Il capogruppo consiliare del Partito democratico ha investito della questione il primo cittadino, «affinché si faccia promotore nell’immediato di azioni in grado di sensibilizzare i vertici sanitari». Tenuta ha raccolto l’appello e ha chiesto che anche le altre forze politiche presenti sul territorio si attivino per far sì che il distretto sanitario non venga privato di ulteriori servizi. Intanto la visita del presidente della giunta regionale all’ospedale civile “Beato Angelo”, prevista per venerdì prossimo, è stata rinviata sine die, per sopraggiunti impegni istituzionali del governatore nella Capitale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?